East Journal sul Corriere della Sera

East Journal sul Corriere della Sera

Un ringraziamento ai nostri lettori più affezionati, grazie a voi stiamo crescendo non solo nel numero di contatti. Il paginone culturale del Corriere della Sera di domenica scorsa ha ospitato un lavoro, firmato da Dario Fertilio, cui ha contribuito  la redazione di East Journal. L’articolo “Onda nera, i nuovi estremismi del post-comunismo” illustra le connessioni e le contiguità tra l’attuale rimontare dell’estrema destra in Europa orientale e l’eredità della dittatura comunista. Questa è l’interessante analisi di Fertilio, cui noi ci siamo limitati a fornire parte dei materiali. Su East Journal ci siamo occupati e ci occuperemo ancora di estrema destra e -pur seguendo altre direttrici interpretative rispetto a quella di Fertilio- riteniamo necessario che il lettore interessato abbia a disposizone quante più opinioni possibili. Quest’estate pubblicheremo un ampio lavoro in più parti su questo tema, e ad esso rimandiamo per ulteriori approfondimenti. Nell’articolo viene fatto esplicito riferimento al nostro sito. Un piccolo sito di appassionati e giovani giornalisti che arriva sulle colonne del più grande quotidiano italiano. Un risultato del quale non possiamo che ringraziarvi, amici lettori.

Qui di seguito il PDF dell’articolo:

onda nera corriere

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

GRECIA: Il governo sfratta 11mila rifugiati ospitati con fondi europei

A partire dal primo giugno, migliaia di beneficiari di protezione internazionale, finora accolti nelle strutture dell'UNHCR e finanziate dalla Commissione europea, dovranno fare posto ai richiedenti asilo provenienti dalle isole di Lesbo e Chios. Una misura che rischia di sbattere 11.000 persone vulnerabili in strada.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: