Incostituzionale la legge sul genocidio armeno, ma Sarkozy insiste

di Kaspar Hauser

Il presidente francese Nicolas Sarkozy persevera dopo la bocciatura della legge sul negazionismo del genocidio armeno. Il capo dell’Eliseo ha incaricato il governo di preparare un nuovo testo, dopo che il consiglio costituzionale francese ha ritenuto la legge approvata dal parlamento contraria alla libertà di espressione.

Ankara prende in considerazione il ripristino delle relazioni con Parigi. “Stavamo aspettando questa decisione”, dice il ministro degli esteri turco Ahmet Davutoglu. “E’ un passo importante. Il consiglio costituzionale francese ha preso la decisione giusta dal punto di vista del diritto internazionale, dei diritti umani e dei valori europei che tutti noi difendiamo”.

Delusa la comunità armena di Francia, la più importante dell’Europa occidentale (600.000 persone) che a Parigi protesta contro l’annullamento della legge, approvata a fine gennaio dal parlamento, che prevedeva la reclusione fino a un anno e una multa fino a 45mila euro per chi nega il genocidio degli armeni sotto l’impero Ottomano.

“E’ una decisione politica”, afferma Ara Torianian, un rappresentante degli armeni di Francia. “Il consiglio costituzionale ha ceduto alle pressioni della Turchia e dietro alle pressioni della Turchia ci sono le pressioni della lobby industriale e militare”. Altrettanto politica, a conti fatti, sembra la decisione di Sarkozy di insistere presentando un nuovo testo: le elezioni in Francia si avvicinano e il voto armeno potrebbe essere decisivo per l’inquilino dell’Eliseo. Non solo: l’elettorato di destra mal digerisce le relazioni tra l’Unione Europea (di cui la Francia è esponente di punta) e la Turchia. Sarkozy, nell’inasprire le relazioni con Ankara, farà breccia nel cuore di molti conservatori.

LEGGI ANCHE:

Armeni. Il genocidio, le radici, il futuro

Domani è morto Hrant Dink, cinque volte morto -(di Murat Cinar)

Il fiume che ha trovato il suo letto -(di Hrant Dink)

E’ la sostenibilità della vita? -(di Hrant Dink)

Yerevan, capitale del libro e della memoria (di Enzo Nicolò di Giacomo)

Parigi e il genocidio armeno, se Ankara entra nel club dei cuori solitari -(di Matteo Zola)

La legge francese sul genocidio armeno che non piace agli armeni-(di Murat Cinar)

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

TURCHIA: Le amministrative di Istanbul saranno ripetute

La decisione è frutto delle proteste del partito governativo AKP. La reazione del partito oppositore e vincitore a Istanbul, CHP, denuncia un'assenza di democrazia e la presenza di un governo dittatoriale in Turchia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: