Salonicco, madre di Israele

Poco rimane dei duemila anni di presenza della comunità ebraica di Salonicco, sebbene il suo contributo sia stato fondamentale per la città…

di Dr Lena Molho (greece-is)

Ciò che rende unica la comunità ebraica di Salonicco è la sua continua presenza nei 2.300 anni di storia della città, un fatto raro negli annali della storia ebraica, anche per Gerusalemme o Alessandria. Tra il 1492 e il 1912 la comunità ebraica non è stata solo la principale comunità della città, ma anche la più grande comunità ebraica del mondo. Salonicco era conosciuta come Madre de Israel, per i suoi abitanti giudeo-spagnoli, e come la Gerusalemme dei Balcani per i non ebrei.

Nel 331 aC Alessandro Magno concesse agli ebrei che erano stati schiavi per circa 250 anni l’uguaglianza secondo la legge. Ciò portò molti di loro a stabilirsi nelle città dell’Impero macedone e a ellenizzarsi. I primi ebrei si stabilirono nella neonata Salonicco nel 315 a.C.

Le condizioni favorevoli convinsero molti ebrei a migrare verso la Macedonia nel corso della storia. La conquista ottomana della Macedonia nel 1430 fu seguita da un grande afflusso di ebrei europei espulsi dai loro paesi d’origine, in particolare dalla Spagna. All’epoca Salonicco contava solo 2.000 abitanti, quindi i 20.000 sefarditi, ebrei spagnoli, che si stabilirono in città, contribuirono alla sua rinascita demografica ed economica. Si occupavano di commercio internazionale, finanza, medicina e farmacologia. Molti hanno introdotto nuovi mestieri come la produzione di armi e polvere da sparo, oltre ai tessuti.

All’inizio del XVI secolo, in un’epoca in cui tutte le altre città greche erano in declino, Salonicco aveva acquisito 29.000 abitanti, metà o più dei quali erano ebrei sefarditi. I nuovi venuti diedero a Salonicco un carattere internazionale e ne fecero il secondo porto più importante dell’Impero Ottomano. Nel XVI secolo, noto come l’età d’oro di Salonicco, i sefarditi fondarono biblioteche, un’importante Accademia talmudica, una tipografia (1527) e un Conservatorio di canto religioso ebraico. Fondarono anche 31 sinagoghe indipendenti, con nomi che riflettevano l’origine geografica dei nuovi arrivati, come Provincia [Provenza], Majorca, Castillia, Catalan, Aragon, Evora, Italia e Sicilia. Nel giro di 100 anni tutti gli ebrei di Salonicco – metà dell’intera città – parlavano giudeo-spagnolo. Per più di quattro secoli questa lingua è stata parlata anche da molti cristiani o musulmani, sottolineando la loro pacifica convivenza.

Nel XVII secolo, la perdita dei territori ottomani in Europa e la scoperta di nuove rotte commerciali causarono il declino economico di Salonicco. Ciò portò un impoverimento spirituale e sociale e, di conseguenza, la comunità ebraica di Salonicco perse il suo antico splendore. Tuttavia, la città che era diventata famosa come metropoli ebraica continuò ad attrarre nuovi coloni.

Tra il 1878 e il 1914 furono creati mulini, fabbriche di mattoni, birrifici, saponieri e vivai di bachi da seta, fabbriche di tappeti e scarpe e, soprattutto, diversi grandi manifatture di tabacco, principalmente da ebrei. Eppure la maggior parte della popolazione ebraica era povera.

Dal 1878 Salonicco è stata collegata all’Europa tramite ferrovia, il suo porto è stato rinnovato e la città è entrata nell’era moderna. La creazione di banche ha facilitato il commercio e ha contribuito alla crescita economica e all’elevazione sociale dei suoi abitanti. Tutte e quattro le sale teatrali allora stabilite erano di proprietà di ebrei. L’Unione dei Lavoratori, creata nel 1909 da un gruppo di ebrei di Salonicco, era la più importante organizzazione socialista dell’Impero Ottomano.

Tra il 1865 e il 1940 in città furono pubblicati più di 50 giornali ebraici, la maggior parte in giudeo-spagnolo ma diversi anche in turco, francese e greco, in rappresentanza di tutti i movimenti politici allora in atto. Poiché gli ebrei costituivano la più grande comunità, essi determinarono in gran parte le dinamiche sociali e politiche della città. Ad esempio, il porto rimase chiuso il sabato e durante tutte le festività ebraiche fino al 1923, cioè 10 anni dopo l’incorporazione della città nel moderno stato greco.

Nel periodo tra le due guerre, che a Salonicco iniziò con il grande incendio del 1917, il governo greco approvò leggi volte a ellenizzare la città. Lentamente gli ebrei si segregarono e si trasformarono in cittadini di seconda classe. Questa politica legalizzò le attività antisemite e portò allo scoppio di un pogrom nel 1931 che spinse molti ebrei di Salonicco a emigrare.

Tuttavia, l’antica comunità ebraica cessò di svilupparsi solo nel 1941 con l’arrivo dei nazisti, che assassinarono il 96 per cento dei suoi membri e distrussero gran parte della sua ricchezza culturale.

Dr Rena Molho ha insegnato e pubblicato ampiamente sulla storia dell’ebraismo ottomano e greco. Per il suo lavoro ha vinto l’Athens Academy Award (2000) e l’Alberto Benveniste Award for Research nel 2015. Nel 2010 è stata anche insignita del titolo di Chevalier de l’Ordre des Palmes Académiques dal governo francese.

Foto: source

Chi è redazione

East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

Migranti respinti Egeo

TURCHIA-GRECIA: Migranti respinti nel Mar Egeo

La crisi migratoria in Turchia non si è mai arrestata e i respingimenti nel mar Egeo contribuiscono ad innalzare le tensioni già presenti tra Turchia e Grecia. Cosa succede al momento e come l'Unione Europea si inserisce in questa cornice?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: