ROMANIA: Chi strumentalizza la piazza

di Damiano Benzoni

Lontano dalla piazza si anima la lotta per sfruttare la protesta o per condannarla. L’Uniunea Social Liberală, la coalizione socialista-liberale di opposizione, ha radunato settemila persone sotto l’Arcul de Triumf nella giornata di giovedì in un evento chiamato Miting Pentru Libertate, in cui i leader della coalizione Victor Ponta e Crin Antonescu hanno promesso al pubblico che il 2012 avrebbe segnato la fine della “dittatura” di Băsescu e Boc.

La diversità nei numeri e la scarsa o quasi nulla presenza in piazza di simboli del partito di opposizione suggeriscono però che il Miting Pentru Libertate fosse solo un tentativo di impadronirsi della manifestazione e di legittimarsi come l’alternativa di cui i romeni hanno bisogno.

Dall’altra parte Elena Udrea, vicepresidente del Partidul Democrat-Liberal di Băsescu e ministro per il Turismo e lo Sviluppo regionale, ha dichiarato di considerare le proteste legittime. Il ministro ha sostenuto che il governo non è riuscito a comunicare con i propri cittadini e con la società civile, ma ha anche voluto sottolineare che “la soluzione non è sostituire Boc con Ponta”. Anche qui, l’impressione è di un tentativo di legittimarsi come alternativa per le elezioni legislative che si terranno il 30 novembre.

Nonostante le sue dichiarazioni, la Udrea è il terzo bersaglio preferito dei cartelli di Piața Universității, dopo Băsescu e Boc. Nel frattempo le proteste hanno portato Boc a sollevare Teodor Baconschi dall’incarico di ministro degli Esteri, a causa di alcune dichiarazioni fatte sul suo blog personale dopo gli scontri del terzo giorno di proteste, nelle quali aveva definito parte dei manifestanti della plebaglia violenta e inetta.

Lunedì il parlamento si è riunito in seduta straordinaria per discutere di ciò che sta accadendo, mentre ieri Traian Băsescu si è rivolto alla nazione in un discorso di quarantacinque minuti dalla residenza presidenziale di Cotroceni. Băsescu ha spiegato di comprendere chiaramente quale sia la situazione e che sono milioni gli scontenti che non sono usciti in strada, ma ha difeso il proprio operato sottolineando in più passaggi di dover far fronte a una situazione di crisi e all’impegno per modernizzare la nazione. “I presidenti non possono dimettersi in tempo di crisi” – ha concluso, ricordando il suo passato da comandante di nave e sostenendo di non aver mai mancato una destinazione e di non voler perdere con la Romania: “Non prenderò in considerazione le dimissioni a meno che non diventi evidente che siano la soluzione”. Una frase, in particolare, è filtrata fino alla piazza: “Suntem acolo unde trebuie”, ovvero “siamo lì dove bisogna”. La risposta, piccata, è stata: “Sarebbe a dire in Piața Universității?”.

 

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

ROMANIA: Il governo sta per cadere

Il governo di Viorica Dancila verrà sottosoposto a mozione di sfiducia giovedì 10 ottobre. L'immediato futuro politico appare tuttavia molto confuso.

5 commenti

  1. Basescu=ladrone,mafioto y dictatore ; PD-L=fasciti,ladroni

  2. PD-L=FASCISTI+NAZISTI !!!

  3. Spero che Noua Dreapta riesca a coalizzare nel neonato Partito Nazionalista tutta la rabbia della popolazione contro i traditori che hanno venduto agli stranieri la Romania e i romeni.

  4. La fine della dittatura di Basescu,no “dittatura” di Basescu e Boc!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: