UCRAINA: Zelensky invita Putin a incontrarsi “dove c’è la guerra”

Da Kiev – Martedì 20 aprile, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha inviato un videomessaggio alla nazione, chiedendo a tutti gli ucraini di rimanere uniti di fronte alla minaccia militare russa, assicurando che l’Ucraina non ha paura della Russia.

In conclusione al suo videomessaggio, Zelensky si è rivolto anche al suo omologo russo Vladimir Putin, invitandolo a incontrarsi “ovunque nel Donbas ucraino, dove c’è in corso la guerra”.

Zelensky ha scelto di rivolgersi a Putin in lingua russa, mentre il resto del tempo il presidente ha parlato ucraino.

(dal minuto 10.20)

E, separatamente, vorrei rivolgermi al nostro vicino settentrionale.

Una volta, il presidente della Federazione Russa ha detto: “quando battersi si fa inevitabile, è il caso di attaccare per primi”. A mio avviso, tuttavia, oggi qualunque leader deve rendersi conto che, quando non si tratta di una rissa in cortile, fra teppisti, ma di una guerra vera e di milioni di vite umane, ciò non si può dire inevitabile.

A differenza di una rissa, in guerra tutte le parti in gioco perdono. Non è possibile proteggere qualcuno attaccandolo. Così come non è possibile liberare qualcuno assoggettandolo. Non è possibile portare la pace con un carro armato. Perlomeno a persone che non sanno di voler essere protette e liberate, che non capiscono per quale motivo a tal fine possano trovarsi attaccate e bombardate. Tra di loro ci sono i nostri anziani sopravvissuti, che hanno liberato questa terra dai nazisti e che non capiscono perché la loro vita pacifica, 75 anni dopo, venga nuovamente minacciata dalla guerra.

Ucraina e Russia, a prescindere dal loro passato comune, guardano al futuro in modo diverso, diverso. Noi siamo noi; voi siete voi. Ma questo non costituisce necessariamente un problema, è un’opportunità. Quantomeno lo è finché non sarà troppo tardi per fermare la matematica mortale delle future perdite militari.

Ieri e oggi, nel corso degli incontri del Formato Normandia e del sottogruppo di sicurezza del Gruppo di Contatto Trilaterale, è stato discusso il ripristino del completo cessate il fuoco. Eppure, nonostante il sostegno di tutte le parti, la Russia ha rifiutato di sostenere la dichiarazione congiunta. Inoltre, è stato proposto un incontro presso la linea di contatto al fine di vedere e comprendere la situazione nel modo più accurato possibile. Ma devo forse capire qualcosa io? Ci vado ogni mese. Signor Putin, sono pronto ad andare ben oltre e con ciò La invito a incontrarci in qualsiasi punto del Donbass ucraino, dove è in corso la guerra.

In seguito al rafforzamento militare lungo il confine ucraino di fine marzo – mossa che è stata spiegata da Mosca come una semplice esercitazione – il presidente ucraino ha convocato, lo scorso 19 aprile,  in una videoconferenza, i consiglieri dei leader del Formato Normandia (Germania, Francia, Ucraina e Russia), i quali – a eccezione della Russia – hanno ribadito il loro impegno a rispettare il cessate il fuoco e di voler organizzare il prossimo incontro direttamente sulla linea di contatto per prendere decisioni in condizioni specifiche.

Leggi anche:

UCRAINA: Escalation nel Donbas. La pace è più lontana che mai

UCRAINA: Escalation in Donbas. I perché della recente tensione

Ucraina e Russia ai ferri corti: una guerra dell’acqua in Crimea?

RUSSIA: La tensione è oggi ai livelli del 2014, tra guerre diplomatiche ed “esercitazioni”

Immagine: Youtube

Chi è Claudia Bettiol

Nata lo stesso giorno di Gorbačëv nell'anno della catastrofe di Chernobyl, per East Journal si occupa dell'area russofona. Linguista e grande appassionnata di architettura sovietica, dopo un anno di studio alla pari ad Astrakhan, un Erasmus a Tartu e un volontariato a Sumy, ha lasciato definitivamente l'Italia per l'Ucraina, dove attualmente abita e lavora.

Leggi anche

chernobyl

CHERNOBYL: Una passeggiata dentro e fuori la Zona, a 35 anni dalla catastrofe nucleare

A 35 anni dalla catastrofe nucleare di Chernobyl, la redazione di East Journal e i colleghi dell'Associazione Italiana di Studi Ucraini (AISU) giovedì 29 aprile, in diretta dalle 18.30, intraprendono una passegiata dentro e fuori la Zona, ripercorrendone la storia dal punto di vista sociale e culturale.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com