LITUANIA: Perché il paese non ammette le proprie colpe nell’Olocausto?

L’annessione all’ex URSS è un capitolo di storia particolarmente doloroso per la Lituania. In seguito alla restaurazione dell’indipendenza, il processo di ricostruzione dell’identità nazionale si è incentrato sulla contrapposizione tra vittima e oppressore, narrazione tuttora utilizzata dalle autorità lituane per questioni geopolitiche e di memoria politica. Tra i simboli più persuasivi rientrano gli eroi della resistenza, in quanto figure ad alta carica patriottica che servono a legittimare l’interpretazione ufficiale della storia di un paese.

Purtroppo, questo processo ha finito per escludere la comunità ebraica, che chiede il riconoscimento di una memoria taciuta dalle autorità e che vede come protagonista l’ufficiale lituano Jonas Noreika. Oggi ricordato come eroe della resistenza anti-sovietica, Noreika fu anche un collaborazionista e antisemita sotto cui furono sterminate intere comunità ebraiche in Lituania.

Poiché ci auguriamo che l’Olocausto venga riconosciuto e discusso per ciò che è stato realmente, vi proponiamo un’intervista con la giornalista americana Silvia Foti, nipote di Jonas Noreika e autrice del libro The Nazi’s Granddaughter. How I discovered my Grandfather was a War Criminal (Regnery History, 2021).

Silvia Foti è nata nel 1961 a Chicago, è giornalista, insegnante e scrittrice. Oltre ad averci spiegato da cosa è nato il libro, ha ripercorso gli episodi, le scoperte e le scelte che l’hanno spinta a intraprendere una ricerca della verità durata 20 anni. Proponendo un romanzo storico piuttosto che una biografia, Silvia smaschera ciò che si cela dietro all’eroe in patria combinando fonti ebraiche e lituane in un’unica narrazione, di fatto distanziandosi dalla narrazione ufficiale lituana.

 

Foto: Martina Urbinati

Chi è Martina Urbinati

Mi occupo di processi di democratizzazione e rafforzamento dello stato di diritto in Russia e Ucraina. Inoltre, tra i miei interessi di ricerca figurano sfide geopolitiche e interpretazioni conflittuali della memoria storica nell'area post-sovietica (paesi baltici, Bielorussia, Russia e Ucraina). Laureata presso l'università di Bologna in scienze politiche e sociali.

Leggi anche

carestia kazakhstan

KAZAKHSTAN: Cento anni fa la carestia che cambiò il paese

Tra il 1921 e il 1933 il Kazakhstan subì un profondo cambiamento sociale ed economico, risultato di un periodo di carestia determinato non solo da cause naturali ma anche dal programma di collettivizzazione delle terre voluto da Stalin.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com