RUSSIA: E adesso il Cremlino si è rotto l'anima

Un messaggio al mondo (sottotitolato in inglese) dal Presidente della Federazione Russa, Dimitri Medvedev, che avverte la comunità internazionale di aver estratto la pistola dal cassetto, averla caricata e di avere il dito ben fermo sul grilletto. Senza sicura. Guardatevelo (dal minuto sette, almeno) e meditate. Ognuno ne tragga le conclusioni che preferisce.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

Herzen

Pillole di filosofia russa/11: Herzen, il rivoluzionario che criticava la rivoluzione

Il pensiero inclassificabile di Aleksandr Herzen ispirò tanto pensatori estremisti e rivoluzionari come Sergej Nečaev, che scrittori del calibro di Dostoevskij.

6 commenti

  1. mi sembra comprensibile…

  2. claudio vito buttazzo

    Quale sarebbe la “comunità internazionale”: gli Usa e l’Ue? E’ tutto qui il mondo, nella sua decima parte? Usa e Ue si allarmino pure, cazzi loro: chi di spada ferisce, di spada perisce. Ma il restante 90% del mondo non mi sembra affatto che si senta minacciato dalla Russia. Anzi!.

  3. Ma questo video è del 23 novembre, ed è indirizzato ai “cittadini della Russia”, non al mondo. Insomma, non mi sembra niente di strano né di nuovo, siamo pur sempre in periodo pre-elettorale a Mosca, e un nemico esterno fa sempre comodo tirarlo fuori dal cassetto. Specie quando ci si riallaccia all’orgoglio intrinseco dei russi sulla propria (passata) potenza militare.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com