MOLDAVIA: Il nuovo presidente è la filo-europea Maia Sandu

Con il 57,75% dei voti, la candidata filo-europea Maia Sandu ha sconfitto il presidente uscente Igor Dodon al secondo turno di elezioni presidenziali. L’affluenza al voto del 52,78% è stata di molto superiore a quella del primo turno (di cui abbiamo parlato qui). In particolare, la diaspora ha più che raddoppiato la sua presenza e oltre 262.000 persone si sono recate a votare nei seggi predisposti dalle ambasciate in vari paesi del mondo per garantire l’esercizio di questo diritto. Il 92, 94% degli elettori all’estero ha votato per Maia Sandu.

Un nuovo video del canale YouTube Understanding Politics approfondisce più nel dettaglio le questioni principali legate a questo voto e al suo risultato:

Per saperne di più: East Journal commenta le elezioni presidenziali in Moldavia

Immagine: maiasandu2020.md

Chi è Gian Marco Moisé

Dottorando alla scuola di Law and Government della Dublin City University, ha conseguito una magistrale in ricerca e studi interdisciplinari sull'Europa orientale e un master di secondo livello in diritti umani nei Balcani occidentali. Ha vissuto a Dublino, Budapest, Sarajevo e Pristina. Parla inglese e francese, e di se stesso in terza persona.

Leggi anche

ROMANIA: Un secolo di disastri in Moldavia

Nella cristi istiuzionale che un mese fa ha colpito la Moldavia, un importante attore internazionale è rimasto ai margini: la Romania. Non è la prima volta che Bucarest sbaglia l'approccio nei confronti del suo vicino nord-orientale.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Privacy Preference Center