CAUCASO DEL NORD: Gli azeri a Kullar rimangono una spina nel fianco per Mosca e Baku

Continua ad essere  precaria la situazione  dei cittadini azeri  a  Kullarpaesino  russo  di poco più di duemila anime situato al confine  tra la Repubblica Autonoma del Daghestan  (nel distretto di  Derbent)  e  l’Azerbaigian.  Più di mille cittadini azeri, desiderosi di tornare in patria,  sono rimasti  bloccati  in questo villaggio,  dove è stato allestito  un centro di accoglienza temporaneo  che fa parlare di sé per le condizioni di disagio. 

La pandemia riporta il Daghestan nell’occhio del ciclone 

La recessione economica, iniziata in Russia nella primavera del 2020 a seguito delle misure di quarantena dovute al COVID-19, ha costretto molti migranti azeri che hanno perso il lavoro a cercare di tornare a casa. Peccato che il confine tra Russia e Azerbaigian sia stato chiuso il 18 marzo e, dopo un drastico aumento dei contagi, il governo di Baku abbia deciso di prolungarne la chiusura il 21 giugno. Per questo motivo, centinaia di lavoratori sono stati fermati a Kullar dove, dopo un breve periodo trascorso in alloggi improvvisati in moschee, case e alberghi, il ministero delle Emergenze del Daghestan ha allestito un centro di accoglienza. Per accedervi, occorre risultare negativi al test per il coronavirus. La decisione di aumentare o diminuire il numero di tende nel campo spetta alla sede operativa della repubblica daghestana.  

Le condizioni del centro di accoglienza, per motivi di capienza  – era stato pensato per ospitare fino a 500 persone  –  e di igiene,  sono apparse subito inadatte per fronteggiare la situazione.  L’Associazione per l’autonomia culturale  degli azeri in Russia, impegnata da tempo in Daghestan,  dove l’etnia azera  costituisce quasi il cinque per cento della popolazione,  si è attivata sin dagli inizi dell’emergenza per denunciare lo stato in cui versavano gli ospiti del centro di accoglienza.  Intanto, oltre al campo ufficiale a  Kullar ne  sorgeva un  altro abusivo,  colmato dagli azeri che continuavano ad arrivare, ma privo delle  tende  assegnate dal governo.  Altri ancora, infine, venivano  ospitati  da residenti locali, o trovavano alloggio in hotelmacchine e persino in  un autolavaggio poco distante dal campo.  

La situazione degenera: Mosca e Baku intervengono 

Le condizioni nelle tendopoli di Kullarunite agli arbitri della polizia locale – accusata di favoritismi verso gli azeri disposti a pagare pur di scalare le liste dei rimpatri – sono sfociate in una grave crisi. Uno sciopero della fame nel campo è cominciato il 13 giugno e nella notte tra il 14 e il 15 giugno vi sono stati scontri tra alcuni cittadini azeri che provavano ad attraversare il confine illegalmente e la guardia di frontiera del Daghestan, culminati con 93 arresti.  

Soltanto quest’ultimo episodio, il quale ha avuto una notevole risonanza mediatica in ambi i paesi, ha spinto Mosca e Baku a discutere della situazione del campo di Kullar. Questo perché entrambe le parti, più che per la salute e la frustrazione di chi abita nelle tendopoli, sono preoccupati per lo sfaldamento dei già delicati equilibri geostrategici legati al Daghestantemono la diffusione dell’islamismo di matrice salafita nell’intera regione del Caucaso e per la sicurezza dell’oleodotto Baku-Novorossysk, il quale attraversa i territori daghestani e contribuisce in maniera decisiva agli approvvigionamenti energetici del sud della Russia. 

Un nuovo accordo raggiunto per via telefonica tra il presidente russo Vladimir Putin quello azero Ilham Aliyev, d’intesa con il governatore daghestano Vladimir Vasiliyev, ha dato il via alle operazioni per il rimpatrio graduale degli sfollati. Il 25 agosto 400 persone sono potute tornare in Azerbaigian,  mentre altre 800 rimanevano nel  campo. L’8 settembre vi sono stati altri rimpatri (nello stesso numero) e, pian piano, la situazione va migliorando. 

Verso la fine dell’incubo? 

Il numero degli azeri nelle tendopoli rimane soggetto a variazioni. A detta del vice presidente  dell’Associazione per l’autonomia culturale  degli azeri in Russia della regione di Mosca, Afig  Allahverdiyev, continuano  ad  arrivare  persone a  Kullar con la speranza di  attraversare  il confine, tra  le 30 e le 60  al giorno secondo le sue stime, attratte dalla prospettiva del rimpatrio.  

La pandemia ha messo a nudo la fragilità delle relazioni trilaterali tra Russia, Azerbaigian e Repubblica Autonoma del Daghestanche rivestono un ruolo di primaria importanza in materia di sicurezza per l’intera regione del Caucaso. La situazione a Kullar inizia a migliorarema visto l’andamento graduale e ancora incerto dei rimpatri, difficile dire quando le tendopoli saranno finalmente vuote.  

Immagine: Pikist.com

Chi è Leonardo Zanatta

Nato e cresciuto a Bologna, approda in Azerbaigian dopo un anno passato tra diverse città in Russia. Laureatosi in Scienze internazionali e diplomatiche, frequenta il secondo anno di magistrale MIREES (Interdisciplinary studies on Eastern Europe). Questa esperienza gli ha consentito di approfondire il suo interesse per lo spazio post-sovietico (in particolare per il Caucaso e l'Asia Centrale) e di applicarlo a tematiche quali sicurezza energetica e cooperazione economica regionale. Scrive per East Journal da inizio 2020 e collabora con il Caspian Center for Energy and Environment di Baku e l'Istituto Analisi Relazioni Internazionali (IARI).

Leggi anche

proteste contro la quarantena

RUSSIA: Proteste contro la quarantena in Ossezia del Nord

Non sempre stare a casa è un'opzione. I cittadini di Vladikavkaz sono scesi in piazza, rendendo evidenti le difficili condizioni economiche in cui si trovano a causa della quarantena...

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Privacy Preference Center