RUSSIA: "Una delegazione europea ha violato le nostre leggi"

Avrebbero “violato la legge russa” i rappresentanti del Consiglio d’Europa in missione pre-elettorale a Mosca la scorsa settimana in vista del voto alla Duma di dicembre. Lo sostiene la Commissione elettorale centrale russa (Cec), che ha presentato un reclamo all’ufficio del procuratore generale e del ministero degli Esteri. Lo riferisce l’agenzia russa Interfax. “Stiamo valutando le attività del Consiglio d’Europa durante la recente visita in Russia. Vediamo segni di violazione delle nostre leggi”, ha detto Vladimir Churov, presidente della Cec e non nuovo a frizioni con gli osservatori internazionali. Tra i cinque rappresentanti dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa a Mosca dall’8 all’11 novembre era presente anche l’esponente del Partito democratico Andrea Rigoni.

“La delegazione era in Russia per familiarizzare, non aveva lo status di missione ufficialmente registrata. Ciononostante, si sono permessi di fare dichiarazioni pubbliche sulla campagna elettorale”, ha detto Igor Borisov, capo dell’Istituto Statale per la legge elettorale. In una conferenza stampa al termine della missione, il capo delegazione Tiny Kox aveva lamentato l’annullamento del previsto incontro con Churov.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e ISPI. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (EastWest, Nigrizia, Il Tascabile, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore e curatore di "Ucraina, alle radici della guerra" (Paesi edizioni, 2022) e di "Interno Pankisi, dietro la trincea del fondamentalismo islamico" (Infinito edizioni, 2022); "Congo, maschere per una guerra"; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) entrambi per Quintadicopertina editore (2015); "Il pellegrino e altre storie senza lieto fine" (Tangram, 2013).

Leggi anche

Caso Finist

RUSSIA: il caso “Finist” torna in aula

Prolungata la custodia cautelare delle autrici della commedia femminista "Finist", il caso di Zhenya Berkovich e Svetlana Petriychuk.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com