CROAZIA: Le rivendicazioni degli insegnanti, in sciopero da oltre un mese

Dal 10 ottobre i dipendenti di oltre mille scuole primarie e secondarie della Croazia sono in sciopero. A guidare la protesta i due sindacati del settore, l’Unione degli insegnanti croati (SHU) e il Sindacato indipendente dei lavoratori dell’istruzione secondaria della Croazia (NSZSSH). La determinazione dei sindacati e la grande partecipazione del corpo docente stanno infiammando la campagna elettorale per le prossime presidenziali previste a fine dicembre.

Le richieste dei sindacati

La rivendicazione principale dei sindacati riguarda l’adeguamento del cosiddetto “indice di complessità del lavoro”, un indicatore che contribuisce a formare lo stipendio complessivo. I salari nel settore pubblico croato sono infatti composti da tre parti: la retribuzione base, l’indice di complessità del lavoro e un ulteriore 0,5% per ogni anno di servizio. Intervistata da East Journal, Ana Tuškan, segretaria generale dell’SHU, ha sottolineato come questo indicatore sia “tra i più bassi di tutto il settore pubblico” e che la loro richiesta è di aumentarlo del 6,11%. 

Per il sindacato non è una questione meramente economica ma si tratta di una “lotta per la dignità che riguarda tutti i dipendenti delle scuole”. Tra i motivi dello sciopero rientrano infatti anche questioni relative al lavoro delle addette alle pulizie degli istituti, il cui salario medio dopo 30 anni di attività sarebbe pari a circa 480 euro. Secondo uno studio interno condotto dal sindacato stesso, il 48,8% delle lavoratrici è costretta a lavorare il doppio di quanto previsto dai contratti senza vedersi riconosciuto il diritto agli straordinari. Sempre secondo lo studio citato dal sindacato, le principali fonti di insoddisfazione dei lavoratori e delle lavoratrici delle scuole riguarda la poca considerazione delle loro opinioni e le scarse risorse materiali come gesso, penne, carta, e la connessione a internet.

La mobilitazione

Il 5 settembre c’era stato un primo incontro tra sindacati e governo che si era detto pronto a soddisfare le richieste sindacali. A distanza di un mese non era però stato compiuto nessun concreto passo avanti e questo ha spinto i sindacati a convocare lo sciopero a partire dal 10 ottobre.

Le modalità di astensione dal lavoro prevedono la convocazione di scioperi “circolari” che coinvolgono le singole regioni in giorni differenti. Secondo i dati forniti quotidianamente dall’SHU la partecipazione degli insegnanti è pressoché totale.

Il 23 ottobre si è svolta a Zagabria una manifestazione cui ha fatto seguito, il giorno successivo, uno sciopero di solidarietà da parte del mondo universitario convocato dall’Unione indipendente delle Scienze e dell’Istruzione superiore (NSZ) per chiedere aumenti salariali per il personale non docente, i docenti e gli assistenti artistici. Il 6 novembre una manifestazione, lanciata con lo slogan “6.11 per 6.11%”, ha visto la partecipazione di circa 5 mila persone (2 mila per i media) nella piazza di San Marco a Zagabria.

L’atteggiamento del governo

Sin dall’inizio, il primo ministro Andrej Plenković ha considerato lo sciopero “assurdo e non necessario”. Di parere opposto invece il sindaco di Zagabria, Milan Bandić, leader del Partito del lavoro e della solidarietà (BM365) che sostiene la maggioranza di governo. Per Bandić il governo dovrebbe “aumentare i salari degli insegnanti o rischia di non esistere più”. Posizione condivisa inizialmente dall’altro partner di governo, il Partito popolare croato (HNS), che il 10 ottobre si era addirittura detto pronto a non votare la legge di bilancio, poi approvata dalla maggioranza lo scorso 14 novembre, se l’indice di complessità del lavoro degli insegnanti non fosse stato aumentato del 4,3%.

Una settimana dopo l’avvio dello sciopero, Plenković ha proposto un aumento del 6,12% dello stipendio base per tutti i dipendenti pubblici. Questa soluzione è stata fortemente osteggiata dai sindacati per due motivi. Il primo è che, come dichiarato dalla Tuškan ad East Journal, l’aumento della retribuzione di base ha l’effetto contrario “aumentando la differenza con il resto del settore pubblico”. Il secondo riguarda il metodo adottato dall’esecutivo. Secondo l’SHU il governo ha violato “il principio di buona fede e di negoziazione” dato che questa idea è stata presentata direttamente in parlamento senza prima consultare i rappresentanti sindacali.

L’ultima proposta del governo prevede un aumento salariale tra 1.300 e 1.600 kune (tra 174 e 215 euro) per gli insegnanti della scuola primaria e secondaria. Il governo si impegnava anche a coprire i pagamenti per le giornate di sciopero fino al 15 novembre in cambio della fine immediata della protesta. Anche questa offerta, presentata come definitiva da parte del governo, è stata però ritenuta insufficiente dai sindacati che hanno deciso di continuare la mobilitazione.

Sostegno allo sciopero è arrivato anche dal principale partito di opposizione, il Partito Socialdemocratico Croato (SDP). I socialdemocratici pongono l’accento sulle disponibilità economiche del bilancio statale che permetterebbero di aumentare i salari dei docenti e il reddito non imponibile evitando così di mettere a rischio una riforma complessiva dell’istruzione.

Anche se una soluzione non è stata ancora trovata, l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali previste per il 22 dicembre potrebbe spingere la coalizione di governo a trovare un’intesa con sindacati anche grazie ai relativi margini di spesa a disposizione. Nel frattempo lo sciopero continua.

Foto: Luka Stanzi / PIXSELL

Chi è Marco Siragusa

Nato a Palermo nel 1989, sta concludendo un dottorato all'Università di Napoli "L'Orientale" con un progetto sulla transizione serba dalla fine della Jugoslavia socialista al processo di adesione all'UE. Collabora con EastJournal da Ottobre 2018 per la redazione Balcani e scrive settimanalmente per Nena-News.

Leggi anche

migranti

Rotta balcanica: paramilitari e spari, continua la violenza contro i migranti

Pochi giorni fa, un migrante è stato gravemente ferito da un colpo di pistola in Croazia. Negli stessi giorni, in Slovenia si sono formate delle milizie di paramilitari per controllare il confine, mentre in Bosnia crescono le forme di insofferenza verso i migranti. Continuano violenze ed intolleranza verso le persone che percorrono la ormai nota rotta balcanica. 

Privacy Preference Center

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: