POLONIA ELEZIONI / 7: Destra e sinistra

Siamo arrivati all’ultimo appuntamento sulle elezioni polacche, che East Journal ha seguito fino al giorno del voto, il 10 ottobre scorso. Davide Denti – classe 1984, redattore di East Journal e assistente accademico al College d’Europe a Bruges – ha poi analizzato i risultati elettorali in una serie di articoli fondamentali per chiunque voglia approfondire le dinamiche della società polacca. In quest’ultimo intervento Davide spiega la situazione delle destra e della sinistra polacca sfatando, implicitamente, un mito che molti giornali italiani hanno creato: Tusk non è di sinistra. Il bipolarismo polacco è infatti tutto di destra, con buona pace delle semplificazioni nostrane.

di Davide Denti

Stabilità ed egemonia a destra

Piattaforma Civica (PO) e Diritto e Giustizia (PiS) si confermano stabili, e sembrano ipotecare un posto centrale nel bipolarismo polacco per il prossimo decennio. PO mantiene la maggioranza relativa; PiS mantiene i livelli del 2007 e dimostra che un terzo dell’elettorato polacco è convintamente e stabilmente conservatore. Il centrodestra conferma così la sua egemonia nel sistema politico polacco (PO e PiS sono membri rispettivamente di PPE e ECR al Parlamento Europeo), con la diretta discendenza dall’esperienza di Solidarnosc contro il regime socialista, mentre anche gli agrari del Partito Popolare Polacco (PSL) tengono sul 10% e si confermano alleato necessario e sufficiente per Tusk;

Ricomposizioni a sinistra /1: la fronda radicale di Palikot

Se il panorama di centrodestra sembra strutturato ed egemonico, la sinistra è minoritaria e soggetta a forti ricomposizioni. La maggior novità deriva dalla discesa in campo e dal successo del Movimento di Janusz Palikot (RP), miliardario ex-PO che, con una campagna elettorale radicale ed anti-clericale (liberalizzazione delle droghe leggere e delle restrizioni all’aborto, diritti civili per gli omosessuali, fine dell’educazione cattolica nelle scuole pubbliche), ha raccolto in meno di due mesi il 10% dei voti, sottraendoli soprattutto ai socialdemocratici di SLD, il cui leader Napieralski si è dimesso subito dopo il voto per il magro risultato del partito.

Palikot è un personaggio emblematico della modernizzazione e spettacolarizzazione della politica anche in Polonia: incrocio tra il Berlusconi e il Pannella degli anni ’90, ha raccolto soprattutto i voti dei giovani e delle classi urbane, liberali in economia tanto quanto nell’etica pubblica. A queste, se PO offriva una prospettiva di liberalismo economico ma accoppiata ad una piattaforma morale filo-cattolica, SLD proponeva una protezione dei diritti sociali e l’allargamento dei diritti civili, ma accompagnata ad una politica economica troppo statalista. Palikot ha azzeccato l’accoppiata tra liberalismo economico e sociale, colmando un vuoto nell’offerta politica e vedendosi subito ricompensato.

Con Palikot sono entrati al Sejm, per la prima volta, un transessuale e due afro-polacchi. Sembra di essere anni luce, ma erano solo 4 anni fa quando sugli stessi banchi parlamentari sedevano i deputati ultraconservatori di Autodifesa e della Lega delle Famiglie Polacchi. Come scrive Gian Marco Mele, “il successo di Palikot mostra come la società polacca sia molto meno conservatrice della sua classe politica e della sua stessa rappresentazione interna ed esterna (ancora legata alla figura di Karol Woytila),  ma anche di come l’immagine di uomo di  successo unita a metodi di propaganda populista attragga le simpatie dell’elettorato.

Ricomposizioni a sinistra /2: serve una rifondazione per i socialdemocratici

Agli eredi di Napieralski e di SLD resterà da fare una seria riflessione nel futuro prossimo. Il partito, già maggioranza relativa nel 1993-97, deve ritrovare una linea politica appetibile. Una evoluzione “rosso-verde”, nel segno dell’ecologismo, sembra improbabile: la Polonia resta uno dei maggiori inquinatori di CO2 in Europa, con le sue centrali a carbone, e lo sviluppo economico ha ancora la priorità rispetto alla sensibilità ambientalista. Dall’altra parte, forse posizioni di “new left” laburista potrebbero essere appetibili per l’elettore polacco, per il quale i nuovi diritti contano, ma lo statalismo economico resta indigeribile. Il prossimo congresso socialdemocratico dovrà prendere delle decisioni.

Chi è Davide Denti

Dottore di ricerca in Studi Internazionali presso l’Università di Trento, si occupa di integrazione europea dei Balcani occidentali, specialmente Bosnia-Erzegovina.

Leggi anche

informazione polonia

POLONIA: Un tribunale a difesa del pluralismo dell’informazione

Un tribunale di Varsavia ha temporaneamente sospeso l'acquisto dell'editore Polska Press da parte dell'azienda petrolifera Pkn Orlen. L'affare, conclusosi lo scorso dicembre, aveva scatenato molte critiche. Le opposizioni ritengono l'operazione un tentativo del governo di controllare la stampa.

Un commento

  1. Very nice overview of what has happened in Poland in recent times. Good job!

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com