REP. CECA: Restituire la cittadinanza a Milan Kundera

Sabato 10 novembre, il primo ministro Andrej Babiš ha incontrato a Parigi lo scrittore di origine ceca Milan Kundera e sua moglie Vera. Durante la visita, Babiš ha espresso il desiderio di restituire la cittadinanza ceca a Kundera, e possibilmente anche alla moglie, a distanza di quasi quarant’anni da quando il governo comunista la revocò ad entrambi.

Milan Kundera e il regime comunista in Cecoslovacchia

I rapporti tra lo scrittore e la Cecoslovacchia non furono mai armoniosi, e tali rimasero anche successivamente alla Rivoluzione di velluto del 1989. Kundera, che a breve compirà novant’anni, fu espulso dal partito comunista nel 1950 in seguito a presunte “attività anticomuniste” e nel 1975 decise di lasciare il paese per stabilirsi in Francia. Trentanove anni fa, nel 1979, il regime comunista cecoslovacco revocò la cittadinanza sia a lui che a sua moglie e le sue opere furono censurate fino agli anni ’80. A distanza di due anni, egli divenne cittadino naturalizzato francese.

Il cambio di rotta

Recatosi in Francia lo scorso fine settimana per celebrare l’anniversario della fine della Prima Guerra Mondiale, Babiš ha deciso di cogliere l’occasione per far visita allo scrittore e sua moglie nel loro appartamento parigino. Il primo ministro ceco ha voluto dare visibilità all’evento anche tramite i social, scrivendo che Kundera “merita la cittadinanza che gli era stata tolta in seguito all’emigrazione”, e descrivendolo come “uno degli scrittori più famosi al mondo”. Stando a quanto riporta l’Agence France-Presse, Babiš ha ripetuto alla CTK (Česká Tisková Kancelář, agenzia stampa ceca) “merita davvero di riavere indietro la sua cittadinanza”.

L’entusiasmo mostrato dal primo ministro non è stato ricambiato allo stesso modo da Kundera una volta messo di fronte alla possibilità di riottenere la cittadinanza. Secondo fonti ceche, egli ha infatti affermato che preferisce non avere vincoli. Sebbene lo scrittore abbia visitato il paese per l’ultima volta ben ventidue anni fa, Babiš rimane positivo riguardo una possibile futura visita dei coniugi Kundera in Repubblica Ceca l’anno prossimo.

Foto: librarius.hu

Chi è Martina Turra

Laureata in "Philosophy, International and Economic Studies" presso l'Università Ca' Foscari, attualmente frequenta una Laurea Magistrale in "International Security Studies" presso la Scuola Superiore Sant'Anna. Ha svolto un tirocinio presso l'Ambasciata italiana ad Astana.

Leggi anche

STORIA: La Primavera di Praga, Longo e la svolta del PCI

Il sostegno del partito comunista italiano per la Primavera di Praga rappresentò una svolta politica nelle relazioni tra il PCI e il comunismo sovietico. Schierandosi a favore di Dubček, sia prima che dopo l'intervento militare del Patto di Varsavia, i comunisti italiani sfidarono per la prima volta il Cremlino. Sebbene non si arrivò mai a una rottura totale tra PCI e PCUS, la diversa interpretazione dei fatti cecoslovacchi rappresentò la base teorica per la formulazione, negli anni a venire, della politica euro-comunista di Berlinguer e dei comunisti europei.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: