EUROPA CENTRALE: Il futuro della regione e la scommessa tecnologica

Che i paesi dell’Europa Centro-Orientale possano da anni esser considerati come uno dei poli economici con il più rapido tasso di crescita continentale è ormai un dato di fatto, così come evidente appare la loro efficienza produttiva.

Dal crollo del regime sovietico, i paesi mitteleuropei hanno sfruttato a loro vantaggio un costo del lavoro decisamente basso rispetto alle controparti occidentali, in modo da garantirsi un costante flusso di investimenti esteri e stabilimenti industriali di primo piano.

Eppure, poco è stato fatto per convincere i paesi investitori a spingere le potenze economiche nazionali a rilocare i propri ricercatori, scientifici e tecnologici, nell’area.

Investimenti nel settore

Come rilevato, fra i molti, dal Financial Times, i paesi dell’area V4 hanno investito relativamente poco nei settori più avanzati, con spese pari al solo 1,2% del proprio PIL, rispetto al 2,1% registrato nei rimanenti paesi dell’Unione.

Solo la metà di questo 1,2%, poi, è destinato al settore pubblico o al mondo accademico; tuttavia, qualcosa sta lentamente cambiando nell’area.

Sono diverse le realtà emergenti consolidatesi: dalle compagnie di software antivirus Avast e AVG (Repubblica Ceca) o Eset (Repubblica Slovacca), passando per l’app di presentazioni online Prezi (Ungheria), fino alla più celebrata Skype, una cui fetta consistente di attività di sviluppo è stazionata in Estonia.

Numerosi, negli ultimi anni, sono anche le scommesse destinate ad alterare il panorama tecnologico mondiale: la slovacca Aeromobil, ad esempio, ha scelto di orientare i propri sforzi nella realizzazione del primo mercato mondiale di auto volanti e di costruire nell’area danubiana il proprio hub di ricerca e sviluppo.

Parallelamente, in Romania, UiPath ha impiegato oltre 30 milioni di dollari d’investimenti nella creazione di software intelligenti volti a compiere quelle pratiche d’ufficio spesso considerate ripetitive.

Insomma, “l’intero ambiente è radicalmente andato evolvendosi”, ha sostenuto Andrej Kiska, figura di spicco di Credo Ventures e fra i più importanti aggregatori di capitali della regione; secondo Luciana Lixandru, invece, socia di Accel Partners, “molte altre imprese ancora verranno a operare nella regione, e con essi ancor più numerosi investitori internazionali”.

Prossimamente

Che i CEECs diverranno sede d’una “Silicon Valley” tutta europea è ancora tutto da vedere; la regione, infatti, non è ancora riuscita a raccogliere la stessa quantità, e qualità, di capitali comunque rastrellati dai paesi dell’occidente europeo.

Inoltre, una fetta cospicua di capitali proviene da fondi statali o comunitari: l’Unione Europea, ad esempio, ha diretto diversi miliardi di euro di fondi governativi nello sviluppo del sistema terziario dei paesi dell’area.

Tanti imprenditori trans-nazionali hanno mostrato più volte il proprio timore al riguardo, con il rischio che il costante flusso governativo di cassa per lo sviluppo di start-up potrebbe impedire a queste realtà di attirare l’attenzione del settore privato.

Allo stesso modo, è questa una pratica che potrebbe distrarre l’attenzione dalla risoluzione di due ulteriori problematiche: il miglioramento del sistema scolastico e lo snellimento dell’apparato burocratico.

Peter Kolesar, presidente di Neulogy, società di consulenza con sede a Bratislava, ha affermato che “sono stati diversi i cambiamenti positivi da parte dei governi a sostegno dell’innovazione […] ma ciò che manca è il senso di urgenza”.

Insomma, il futuro della regione appare dipendere esclusivamente dal modo in cui si potranno sostenere i centri di ricerca ed eccellenza dell’area e da come verrà gestito il potenziale tecnico regionale.

Sembra volerci ancora del tempo affinché vengano stabilizzate le condizioni necessarie per far crescere economie di questo tipo; un conto è possedere capacità tecniche e investimenti, un altro è creare le condizioni politiche affinché questi due elementi vengano sfruttati.

Foto: belardobroker.it

Chi è Stefano Ricci

Leggi anche

UE: Le pagelle sullo stato di diritto mettono a nudo i paesi membri

Bruxelles ha stilato il primo rapporto sullo stato di diritto in ciascuno dei 27 paesi membri. L’analisi, basata su quattro pilastri (sistema giuridico, legislazione, il pluralismo mediatico ed equilibrio tra organi statali), rileva profonde fragilità nelle democrazie dell'Europa centrale e orientale.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com