CALCIO: La Repubblica Ceca piange la scomparsa di Rajtoral

Molto più di un collega, molto più di un avversario. L’improvvisa scomparsa lo scorso 23 aprile di František Rajtoral, calciatore ceco in forza ai turchi del Gaziantepspor, ha aperto una ferita profonda nel movimento calcistico della Repubblica Ceca. Una morte inaspettata di un ragazzo che a soli 31 anni ha deciso di dire basta e togliersi la vita nella sua abitazione in Turchia.

I motivi del suicidio si riconducono a quella depressione che perseguitava già da qualche tempo l’ex calciatore del Viktoria Plzeň. Una situazione psicologia precaria nata in seguito alla fine della sua ultima relazione amorosa, che ha causato problemi non solo di natura sentimentale ma anche di dipendenza dal gioco d’azzardo.

Nato e cresciuto nel Příbram, la squadra della sua città natale con la quale ha esordito nel massimo campionato ceco, Rajtoral ha vestito in seguito le maglie di Baník Ostrava, Hannover e Viktoria Plzeň. In quest’ultimo club ha militato ben sette anni portando a casa quattro scudetti, due coppe nazionali e una Supercoppa, prima della sua ultima esperienza in Turchia. Il classe 1986 ha inoltre partecipato alla spedizione della Repubblica Ceca in Polonia e Ucraina negli Europei 2012, avventura conclusasi ai quarti di finale contro il Portogallo grazie a una rete di Cristiano Ronaldo.

La notizia della morte di Rajtoral ha fatto il giro del mondo in poche ore. «In questi casi, il calcio passa in secondo piano…» ha twittato il Viktoria Plzeň. I tifosi del club rossoblù si sono dati appuntamento a Štruncovy sady, nei pressi della Doosan Arena, prima del match di campionato contro il Dukla Praga per rendere omaggio a uno dei calciatori che ha scritto la storia del club. A Plzeň, nella Boemia occidentale, Rajtoral era molto amato: in campo con la sua chioma bionda macinava chilometri sulla fascia destra, mentre fuori dal campo era sempre tra i più allegri e disponibili con addetti ai lavori e fan.

La UEFA, ma anche tanti club, ex compagni e avversari. Sono tantissimi i messaggi di cordoglio arrivati sui social network. Costa Nhamoinesu, difensore dello Zimbabwe e dello Sparta Praga, ha manifestato tutto il suo dispiacere con un tweet molto significativo: «Potremmo essere nemici sul campo, ma la vita è più importante di ogni altra cosa». Un messaggio chiaro e diretto che dimostra quanto Rajtoral fosse apprezzato e lancia un segnale diretto di solidarietà tra i calciatori nonostante le rivalità dei rispettivi club. Un sentimento condiviso anche dal tweet di Lukáš Vácha, centrocampista dello Sparta Praga, che ha postato una vecchia foto insieme al terzino.

La morte di Rajtoral ha portato nuovamente alla ribalta un tema molto spesso sottovalutato in questo sport: la depressione e i problemi psicologici dei calciatori. Quello del ceco è solamente l’ultimo di una lunga serie di suicidi di professionisti, causati da disturbi mentali. A lanciare nuovamente l’allarme Jan Rajnoch, calciatore del Motorlet Praga, che denuncia: «Non riesco davvero a crederci. Dei problemi psicologici degli atleti non se ne parla mai; nessuno se ne frega e improvvisamente assistiamo a queste tragedie».

La Repubblica Ceca piange uno dei suoi uomini e professionisti più importanti del movimento calcistico dal 1993 ad oggi. L’intero Paese si è fermato per salutarlo l’ultima volta: per qualche ora nessuna rivalità ma tutti insieme per rendere omaggio a Rajtoral. Un dramma che ha segnato lo sport ceco e che dovrà servire per evitare altre tragedie simili.

Foto: twitter.com (@eastern_footy)

Chi è Alessandro De Felice

Partenopeo d’origine e recanatese d’adozione, nasce a Formia nello stesso anno della fondazione della Repubblica Ceca. Letenské sady è il suo posto ideale per ritrovare la pace interiore. Laureato in Mediazione Linguistica, giornalista pubblicista. Ama le emozioni che regala un pallone, la birra bionda di Boemia e girare il mondo con uno zaino in spalla. Ha fondato l’unico sito italiano sul calcio della Repubblica Ceca. Vanta collaborazioni con la Gazzetta dello Sport, Mondofutbol, East Journal, Calcio dell’Est, TuttoCalcioEstero, Progetto Repubblica Ceca e partecipa al progetto di informazione sportiva Collettivo Zaire74.

Leggi anche

Luka Garza in azione con la canotta di Iowa State

BASKET: Lo strano caso Luka Garza, dominatore al college ma inadatto alla NBA

Il cestista Luka Garza è stato scelto dai Detroit Pistons al Draft NBA, con la chiamata numero 52. Di origini jugoslave, è stato uno dei migliori giocatori di college di ogni epoca.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com