RUSSIA: La Corte europea condanna i servizi segreti per gli attacchi ai giornalisti

Il 14 marzo la Corte Europea dei Diritti Umani (CEDU) ha reso nota la sentenza sul caso “Orlov e altri contro la Russia”: la Corte ritiene colpevole lo Stato russo e i suoi servizi segreti. Il caso si apre nel 2008: Oleg Orlov – allora a capo dell’organizzazione Memorial – e tre giornalisti si appellarono alla CEDU per chiedere giustizia per gli attacchi subiti.

23-24 Novembre 2007, Inguscezia

L’Inguscezia, la più piccola entità della Federazione Russa, è una striscia di terra tra la Cecenia e l’Ossezia del Nord, parte della polveriera del Caucaso del Nord.
Nel 2007 la situazione è esplosiva: finite le guerre russo-cecene, lo spettro del terrorismo islamico è ancora affrontato in modo arbitrario; i soprusi della polizia, gli omicidi e le sparizioni sono continui. Orlov e i giornalisti di REN-TV nel novembre del 2007 sono in Inguscezia per monitorare le manifestazioni nella capitale Nazran’. Sono all’hotel “Assa” la sera del 23 novembre: il giorno dopo è prevista una manifestazione. Il servizio di sicurezza che solitamente sorveglia l’hotel si è misteriosamente dileguato e in difesa degli ospiti è rimasto il personale disarmato. In tarda serata, l’inizio della vicenda: una quindicina di uomini, armati e mascherati, scendono da un camioncino e irrompono nell’hotel, sostenendo di essere dell’unità anti-terrorismo. Controllano il registro degli ospiti e si dirigono verso le camere 215, dove si trova Orlov, e 311, dove si erano riuniti i giornalisti. In entrambe lo stesso copione: l’irruzione e la ricerca furiosa di materiale, urla e minacce. Dopodiché, il sequestro: i quattro vengono informati di essere sospettati di possesso di esplosivo e che sono diretti alla centrale di polizia. La città è piena di posti di blocco, in vista della manifestazione; tuttavia, l’auto dei sequestratori viaggia indisturbata, percorre vie illuminate e frequentate, che i passeggeri riescono a intravedere attraverso i sacchi che hanno in testa. A fine corsa, vengono fatti scendere in un campo coperto di neve, in campagna. Vengono malmenati, minacciati e gli viene intimato di non tornare mai più. Infine, l’auto corre via.

La denuncia e il caso

Dileguatesi i rapitori, i quattro riescono a raggiungere a piedi Nesterovskaja, villaggio vicino al confine ceceno, dove sporgono denuncia alla centrale di polizia locale. I quattro testimoniano: i rapitori parlavano un perfetto russo e il veicolo era un camioncino “Gazel’” di colore chiaro. Il caso, però, resta nebuloso: nessuno sembra aver visto passare tale veicolo quella notte e non si riescono a raccogliere prove. Nel 2008 le autorità ingusce decidono di chiudere il caso, scatenando l’ira delle vittime, sempre più convinte che dietro a tutto ci siano i servizi segreti russi.
Quasi dieci anni dopo, la CEDU ha dato ragione alle vittime: “considerato che il Governo non ha avanzato alcuna spiegazione plausibile, la Corte ritiene che le persone che portarono i richiedenti dall’hotel al campo nei pressi di Nesterovskaja e li sottoposero a maltrattamenti nella notte del 23 novembre 2007 fossero agenti dello Stato”. La Corte chiede allo Stato il risarcimento degli oggetti rubati – tra cui videocamere, cassette e computer – ed una somma per danni immateriali.
Una vittoria della società civile? Bisognerà aspettare la reazione di Mosca per saperlo. Di certo sono troppi i casi che hanno avuto come sfondo le repubbliche caucasiche e sono rimasti irrisolti: gli omicidi di Anna Politkovskaja e di Natal’ja Estemirova sono solamente due noti esempi di come la troppa voglia di verità e giustizia sia stata punita.

Questo articolo è frutto della collaborazione con MAiA Mirees Alumni International Association. Le analisi dell’autrice sono pubblicate anche su PECOB, Università di Bologna.

Chi è Maria Baldovin

Nata a Ivrea (TO) nel 1991, laureata in lingue e in studi sull’Est Europa. Per East Journal scrive prevalentemente di Russia, ma si interessa anche di tematiche transnazionali, come politiche di memoria e questioni di genere. È co-autrice del programma radiofonico "Kiosk" di Radio Beckwith e socia di "Memorial Italia".

Leggi anche

Pillole di filosofia russa/3: Lomonosov, la “prima università russa”

Quando si parla di illuminismo russo non si può non pensare a Michail Lomonosov. Scienziato e pensatore di rilievo, fu definito dal poeta Aleksandr Puškin "la prima università russa" per le sue grandi doti intellettuali che spaziano dalla metallurgia alla linguistica. Non solo contribuì all'avanzamento delle scienze, ma fondò le basi del materialismo in Russia influenzando le future generazioni di filosofi.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com