RUSSIA: Putin vince le elezioni della nuova Duma. Denunciati molti brogli

Domenica 18 settembre la Russia ha eletto i 450 deputati della nuova Duma, la cui legislatura – la settima – durerà fino al 2021. Le urne sono state chiuse alle 20 in ogni regione e distretto. Quelle più orientali della Kamčatka e Čukotka sono state le prime, chiaramente, a chiudere, registrando un’affluenza rispettivamente del 35% e quasi del 70%. Importante il voto per la Cecenia, che oltre ad eleggere i deputati per la Duma, ha anche scelto il proprio presidente. Hanno votato per la prima volta i cittadini della Crimea (affluenza registrata al 42%): si parla di un milione e 800 mila elettori, 1200 distretti elettorali. Nelle auto-proclamatesi indipendenti repubbliche di Lugansk e Doneck, il governo russo fa sapere che non sono stati presenti seggi per gli elettori di cittadinanza russa, che sono stati invitati invece a recarsi nella città ucraina di Charkov. A Kiev si sono registrati tensioni e disordini fuori dell’ambasciata russa, con anche un ferito: solo un centinaio comunque i russi che hanno espresso la propria scelta nella capitale ucraina. Ed anche dal cosmo è arrivato il voto dell’astronauta russo Anatolij Ivanišin.

Per i dati ufficiali bisognerà aspettare il rapporto che verrà emanato venerdì; in ogni caso, esso sarà di poco distante dai risultati che emergono ad oggi. Vince il partito di Putin, Russia Unita, con oltre il 54% delle preferenze, che occuperà 343 seggi su 450; oltre ad esso alla nuova Duma siederanno i rappresentanti dei soliti tre partiti, quello comunista (13%), quello liberal-democratico (13%) e Russia Giusta (6%). Non ce l’ha fatta a superare la soglia del 5% il partito di opposizione Jabloko, che comunque a Mosca ha raggiunto un significativo 9% (mentre Russia Unita nella capitale ha raccolto solo il 38% dei voti). Un seggio rispettivamente andrà tuttavia sia al partito Rodina (Patria) e al movimento Piattaforma civile in quanto entrambi i candidati di queste due fazioni sono risultati vincitori nei loro distretti territoriali. L’affluenza è comunque generalmente in calo: tranne le eccezioni di Circassia (oltre 90%), Cabardino-Balcaria (oltre 90%), Dagestan (87%), Cecenia (74%), la media nazionale è del 47,8% (a Mosca 35%, a Pietroburgo 32%).

Al di là dei risultati e delle retoriche, tuttavia, è significativo sottolineare l’alto numero di infrazioni e denunce registrate anche a questo turno elettorale e che non dimostrano un effettivo passo in avanti verso quelle “Elezioni pulite!” per le quali tanto manifestarono i russi tra 2011 e 2013. Gli elettori, i partiti e gli osservatori hanno lamentato evidenti acquisti di voti in termini di favori, beni e denaro. Nel distretto di Samara sono stati promessi miglioramenti degli appartamenti, ad esempio; il partito Jabloko a Mosca, nel quartiere di Chimki, ha denunciato il baratto di voti per gadget con lo stemma di Russia Unita (il partito di Putin) e soldi. In altre regioni, come a Naro-Fominsk e presso Omsk in Siberia, si è invece cercato di ostacolare gli elettori a recarsi ai seggi: all’ultimo sono stati modificati gli indirizzi dei seggi, ad esempio, e in alcuni condomini è saltata in maniera inaspettata l’elettricità, bloccando l’utilizzo degli ascensori agli anziani. In altri casi gli elettori recatisi ai seggi hanno trovato che a loro nominativo qualcun altro aveva già votato. A Nižnij Novgorod due osservatori sono stati cacciati dai seggi. A Pietroburgo un elettore è stato arrestato per aver stracciato una scheda elettorale, dicendo di essere “contrario a quello che sta accadendo in Russia”. A Tomsk e Novosibirsk si è portata avanti la campagna elettorale anche dentro i seggi elettorali. Il fenomeno dei “karuseli” è ben noto poi nel sistema elettorale russo: autobus colmi di persone girano per vari seggi e permettono a queste di esprimere illegalmente il loro voto più volte. In cambio questi “elettori peripatetici” ricevono denaro. Il partito comunista nella sola regione di Mosca ha, per esempio, denunciato 5 autobus alla polizia. Proprio sulle corriere invece si è votato in alcuni distretti della Crimea, in mancanza di seggi.

Chi è Martina Napolitano

Dottoranda in Slavistica presso l'Università di Udine e Trieste, per EaST Journal scrive principalmente di Russia e cura la rubrica Linguae.

Leggi anche

Petrolio

RUSSIA: Il ministro per l’energia Novak risponde agli attacchi al petrolio saudita

Nonostante il forte impatto dell'attacco ad Abqaib sulla produzione mondiale di petrolio, Alexander Novak ha dichiarato che resterà in vigore l'accordo preso ad Abu Dhabi per limitare l'output.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: