RESISTENZE: Anton Miklavc, contadino jugoslavo

Nato nel 1881 a Bočna, in Slovenia, Anton Miklavc era un contadino e membro del Comitato Direttivo del Fronte di Liberazione di Mozirje in Slovenia. Il 4 febbraio 1942 viene arrestato a casa sua dalla Gestapo e portato al castello di Borl, nel nord del paese. A Maribor viene in seguito portato per il processo, dove verrà condannato dal Tribunale Civile della Storia Inferiore. L’11 aprile 1942 viene fucilato insieme ad altri 30 ostaggi.

Cara moglie,

oggi nel pomeriggio mi fucileranno. Mi congedo da te, dai figli, dalle figlie e dal nipote. Saluto i buoni vicini e i parenti. Ricordatevi di me come me lo sono meritato. State tranquilli e non crediate che abbia voluto deliberatamente recare del danno vivete felici. Perdonatemi, cara moglie, se qualche volta ti ho offeso.

Saluti, tuo marito

Anton Miklavc

Chi è Edoardo Corradi

Nato a Genova, è dottorando di ricerca in Scienza Politica all'Università degli Studi di Genova. Si interessa di Balcani occidentali, di cui ha scritto per numerosi giornali e riviste accademiche.

Leggi anche

“Sclavanie”, un progetto fotografico sulla Slavia friulana

Sclavanie: è questo il toponimo friulano usato per descrivere la cosiddetta “Slavia friulana”, la regione storica che si estende dalle valli del Torre e del Natisone fino alla Val Resia, al confine con la Slovenia. Un territorio oggetto di un interessante progetto fotografico.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com