UCRAINA: Divieto d’accesso ai cieli per le compagnie aeree russe. Mentre si ritirano le artiglierie in Donbass

Se la “guerra del gas” tra Kiev e Mosca sembra essere stata appena superata da un’intesa siglata a Bruxelles nei giorni scorsi, un nuovo braccio di ferro sta per cominciare. La “guerra dei cieli”.
Il governo filo-occidentale ucraino ha deciso di vietare, a partire dal 25 ottobre, i voli nel suo territorio a quasi tutte le compagnie aeree russe: una ventina, naturalmente a cominciare da quella di bandiera, l’Aeroflot. Una mossa a cui il Cremlino ha risposto per le rime vietando l’ingresso in Russia ai vettori ucraini a partire dalla stessa data.

La nuova misura rientra in un pacchetto di restrizioni approvate da Kiev a settembre, in cui vengono colpite circa 400 persone e 90 enti, per lo più russi, considerati una minaccia per la sicurezza nazionale. Sarebbe anche una risposta alla decisione dei ribelli filo-russi di convocare autonomamente elezioni locali, previste per fine ottobre. Secondo l’agenzia di stampa russa Tass, le limitazioni alle compagnie aeree avranno gravi ripercussioni economiche per entrambi gli Stati, con un danno stimato nell’ordine delle decine di milioni di dollari.

Poroshenko: “intervenga l’Onu nel Donbass”

Anche sul fronte della diplomazia internazionale il presidente ucraino Petro Poroshenko non si è risparmiato. All’ultima Assemblea generale delle Nazioni Unite ha accusato Putin di “incentivare il terrorismo sulla porta di casa” e di aver creato una cintura di instabilità oltre le sue frontiere, intervenendo negli affari dei paesi vicini. “Abbiamo sentito negli ultimi giorni dichiarazioni conciliatorie da parte della Russia nelle quali si chiedeva una coalizione antiterroristica in Siria. Bella storia, ma difficile da credere dopo quanto avviene in Ucraina – ha dichiarato Poroshenko. – Qui non si tratta di una guerra civile, né di un conflitto interno; è un’aggressione”. La delegazione russa ha lasciato la sala ancora prima che il presidente ucraino cominciasse il suo discorso. Petro Poroshenko ha poi nuovamente chiesto un’operazione di peacekeeping dell’Onu nel Donbass, per consentire la messa in atto degli accordi di Minsk, siglati il 5 settembre 2014.

L’accordo sulle armi

Due giorni fa è stato trovato un accordo dai membri del cosiddetto “Gruppo di contatto” – composto da Mosca, Kiev, Osce e separatisti – per il ritiro delle armi di calibro inferiore ai 100 mm a 15 km dalla linea del fronte. Il termine entro cui l’intesa deve essere rispettata scade oggi, giovedì 1° ottobre. Secondo Martin Sajdik, rappresentante speciale dell’Osce in Ucraina, prima verranno allontanati i carri armati, poi l’artiglieria e quindi i mortai.

L’accordo arriva alla vigilia del vertice tra Russia, Ucraina, Francia e Germania previsto per domani, 2 ottobre, a Parigi, per discutere ancora della crisi ucraina.

Foto: Flickr

Chi è Sophie Tavernese

Giornalista professionista, si occupa per East Journal delle aree geopolitiche di Russia e Medio Oriente. Curatrice del travel blog sophienvoyage.it. Ha collaborato con Euronews, La Stampa, Coscienza & Libertà, Gazzetta Matin. Si è specializzata in giornalismo radio-televisivo alla Scuola di Perugia. Nata ad Aosta, vive a Courmayeur. Si è laureata in Archeologia e Storia dell'Arte all'Università Cattolica di Milano.

Leggi anche

UCRAINA: E se un comico potesse salvare il paese?

Mentre il secondo turno si avvicina e la sua vittoria sembra molto probabile, è l’ora di riflettere sulle possibili conseguenze di Zelensky presidente...

2 commenti

  1. nel mese di luglio sono andato in crimea, e posso testimoniare che l’aereo partito da mosca per sinferopoli ha aggirato tutto il territorio ucraino sorvolando la regione russa di rostov. questo significa che l’ucraina poteva risparmiarsi questo divieto che danneggierà solo gli ucraini che lavorano in russia. bel colpo, idioti.

  2. geppolindoferretti

    Si parla dei voli tra Russia e Ucraina – hai presente: quelli da Mosca a Kiev, ad esempio, o da Mosca a Odessa, della Aeroflot e della S7- non certo di quelli tra Russia e Crimea. Chi è l’idiota, ora?