RUSSIA: Ora solare reintrodotta, ma con undici fusi orari

 

Da MOSCA – Era il 2011 quando Dmitrij Medveded aboliva la pratica, introducendo la costante ora legale. Allora, i sondaggi vedevano il 73% della popolazione a favore di questo sistema: l’alba ritardata nelle scure mattine invernali era favorevolmente accolta in cambio di serate più chiare. I parlamentari inoltre sostenevano che l’ora legale permetteva un maggiore risparmio energetico anche in inverno. Eppure, già a distanza di poco più di un anno, a settembre 2012, Vladimir Putin avanzava in parlamento la proposta del ritorno al cambio di orario, subito appoggiata dalla maggioranza dei rappresentanti del suo partito “Edinaja Rossija” (quasi a sottolineare la loro maggiore fedeltà a Putin,  piuttosto che a Medvedev, suggerisce Nezavisimaja Gazeta), e dopo quasi due anni di confronti tra Duma di Stato e Casa Bianca la legge è stata approvata e firmata il 21 luglio scorso.

Mosca è entrata così questa domenica nel fuso orario UTC +3 (prima era a quattro ore da Greenwich), ma non in tutta la Russia – già a partire dalle prime sedute parlamentari che tra settembre 2012 e luglio 2014 hanno portato all’approvazione della legge sul ritorno all’ora solare – il cambiamento è stato accolto favorevolmente. Proprio per far fronte alle regioni contrarie alla reintroduzione del cambio dell’ora, sostiene il quotidiano Kommersant, i fusi orari sul territorio russo sono stati aumentati da nove a undici: sono state create la “terza” e l'”undicesima” zona. La prima corrisponde alla regione di Samara e all’Udmurtia, di un’ora avanti rispetto a Mosca; la seconda alla Kamčatka e Čukotka, di nove ore avanti rispetto a Mosca. Per questo motivo gli abitanti di queste regioni non dovranno cambiare l’ora, come anche quelli della regione di Kemerovo (“sesta” zona), adesso di quattro ore avanti a Mosca. Unica eccezione per il territorio transbajkalico: la “settima” zona si trova ora a cinque ore rispetto a Mosca, e la notte di domenica 26 ottobre ha spostato le lancette avanti addirittura di due ore.

Chi è Martina Napolitano

Dottoranda in Slavistica presso l'Università di Udine e Trieste, per EaST Journal scrive principalmente di Russia e cura la rubrica Linguae.

Leggi anche

Petrolio

RUSSIA: Il ministro per l’energia Novak risponde agli attacchi al petrolio saudita

Nonostante il forte impatto dell'attacco ad Abqaib sulla produzione mondiale di petrolio, Alexander Novak ha dichiarato che resterà in vigore l'accordo preso ad Abu Dhabi per limitare l'output.

2 commenti

  1. Meno male ! L’inverno scorso a San Pietroburgo la mattina era un incubo, buio pesto fino alle 10,30 !

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: