RUSSIA: A Sochi con la bandiera arcobaleno. Arrestata Vladimir Luxuria

Brutta avventura per Vladimir Luxuria a Sochi. Arrivata da un paio di giorni nella località russa per assistere alle Olimpiadi, l’ex parlamentare di Rifondazione Comunista è stata arrestata con l’accusa di avere con sé una bandiera arcobaleno con scritto in russo “gay è ok”. Dopo alcune lunghe ore di interrogatorio e controllo dei documenti, Luxuria è stata finalmente rilasciata solo in tarda nottata dalla polizia.

Si tratta della prima provocazione ad Olimpiade in corso contro la tanto discussa legge che vieta la propaganda omosessuale, anche se ancora prima dell’apertura dei Giochi non sono mancati altri casi di protesta, come il 18 gennaio a Voronezh, dove un giovane venne fermato per aver esposto anche in quel caso la bandiera arcobaleno, simbolo della comunità gay, al passaggio della torcia olimpica nella città. Altra provocazione è stata la già annunciata presenza alla cerimonia d’apertura delle Paralimpiadi del prossimo marzo del ministro norvegese Bent Høie, omosessuale, che ha dichiarato che come in ogni visita ufficiale porterà con sé il marito.

Luxuria aveva reso pubblico il suo arrivo a Sochi tramite twitter, con uno stato provocatorio nei confronti del regime russo: “Sono a Sochi! Saluti con i colori della rainbow, alla faccia di Putin!”. Era arrivata in Russia con una troupe de “Le Iene” per intervistare alcuni atleti italiani proprio riguardo alle leggi omofobe, e per assistere ad alcune gare degli azzurri. Poche ore prima dell’arresto si trovava in aeroporto ad acquistare alcuni biglietti per una partita di hockey, per poter portare la bandiera arcobaleno in quel Bolshoi Ice Dom che aveva visto la presenza di Putin in persona durante le gare della squadra russa. Il gesto provocatorio voleva servire per protestare contro la controversa legge omofoba sostenuta dallo stesso Putin, la quale vieta la propaganda gay in presenza di minori “come pretesto per non parlare dell’omosessualità, nel pregiudizio che si possa trasmettere per il solo fatto di discuterne”, come ha affermato la stessa Luxuria.

Tra i primi a rendere pubblica la notizia dell’arresto dell’ex parlamentare è stata Imma Battaglia, presidente onorario di Gay Project, la quale ha ricevuto una telefonata da Luxuria. “È stata arrestata dalla polizia a Sochi mentre assisteva alle Olimpiadi. L’atteggiamento degli agenti è stato brutale e aggressivo. Nessuno parla inglese. Ora si trova da sola in una stanza con luci al neon sulla faccia, presumibilmente in stato di fermo”. Con queste parole Battaglia ha descritto quanto raccontatole da Luxuria, chiedendo un intervento immediato del ministro degli esteri Bonino. Il ministero da parte sua ha attivato subito l’unità di crisi per il fermo di Luxuria.

Non si sono fatte attendere le proteste da parte del mondo gay: Flavio Romani, presidente dell’Arcigay-Associazione Lgtb italiana ha chiesto l’immediata liberazione definendo infame la legge russa; il presidente di Gaynet Italia, Franco Grillini, si è augurato che stavolta il governo italiano “sia meno vile e corrivo con il regime russo” come ha dimostrato la presenza dell’ormai ex premier Letta alla cerimonia d’apertura delle Olimpiadi. Proteste anche da Nichi Vendola, che ha definito Luxuria “ribelle, libera, senza paura dei gendarmi della moralità dello Stato”, e dal senatore Sergio Lo Giudice, per il quale “l’arresto dell’ex parlamentare mostra tutta l’ipocrisia di Putin e del suo regime”. Le associazioni gay intanto avevano già indetto per stasera un presidio davanti all’ambasciata russa a Roma per chiedere l’immediato rilascio di Luxuria e per esprimere solidarietà a tutti gli attivisti e le attiviste delle comunità gay, lesbica, bisessuale e trans della Russia che ogni giorno vedono calpestati i propri diritti.

La notizia della liberazione è arrivata nella notte, tra i primi a comunicarla è stato l’ex parlamentare Ivan Scalfarotto, seguito dal portavoce del Gay Center Fabrizio Marrazzo, il quale ha affermato che sarebbe stata la stessa Luxuria ad avvertirlo con un sms. Infine è arrivata la conferma da parte del ministro degli esteri Bonino, che ha comunicato la notizia alla Battaglia. Le autorità diplomatiche a Sochi avrebbero smentito che Luxuria abbia subito violenze o intimidazioni da parte della polizia, dichiarando che è stata trattenuta oltre il previsto per la mancanza di un traduttore. Dopo la liberazione, Luxuria ha raggiunto il team de Le Iene con il quale era arrivata a Sochi. “È passata a salutarci in hotel, è abbastanza provata ma sta bene” hanno affermato i due membri della troupe. L’ex parlamentare ha annunciato che oggi assisterà ai Giochi, e in settimana dovrebbe fare presumibilmente rientro in Italia.

Chi è Emanuele Cassano

Ha studiato Scienze Internazionali, con specializzazione in Studi Europei. Per East Journal si occupa di Caucaso, regione a cui si dedica da anni e dove ha trascorso numerosi soggiorni di studio e ricerca. Dal 2016 collabora con la rivista Osservatorio Balcani e Caucaso.

Leggi anche

CULTURA: Il minareti e i campanili di Kazan’, la “capitale russa” del Tatarstan

Il Tatarstan è il territorio abitato da musulmani più a Nord del pianeta. Kazan’, la capitale della regione, è l’emblema di un incontro tra fedi e culture.

7 commenti

  1. Se la Luxuria è stata liberata subito è perché, malgrado tutto, la Russia non è quel Paese mostruosamente tirannico e omofobo presentato dai media. Preferisco non pensare a cosa le sarebbe successo se avesse fatto la stessa cosa in Arabia Saudita o in qualche altro Paese islamico. Sempre che l’avessero lasciata entrare, s’intende…

  2. Perfettamente d’accordo con Joek. Sembra che “Le mie prigioni” siano state meno dure di quanto l’eroina ha descritto, salvo che le autorità diplomatiche non siano colluse con Putin.
    Mi associo al consiglio di non recarsi nei paesi islamici, ma credo che non ve ne sia bisogno.

  3. claudio vito buttazzo

    luxuria. ovvero:cosa non si fa per compiacere il finanziere-finanziatore soros e gli amici a stelle e strisce e, perchè no, anche x assicurarsi qualche contratto televisivo. la femen italiana.

  4. Ragazzi del East Journal,
    informatevi meglio prima di scrivere sciocchezze del genere.
    Dai, un po’ di buon senso, e’ la prima volta che sentite parlare di Vladimir Luxuria?!

    • informarci su cosa, di grazia? L’articolo riporta i fatti e le dichiarazioni ufficiali delle parti politiche. Dove starebbe la “sciocchezza?”

      M.Z.

  5. http://www.lgbtqnation.com/2014/02/russia-activist-and-former-italian-lawmaker-was-never-detained-in-sochi/

    questa una delle fonti che smentiscono tutto.
    “fishing for publicity” in attesa delle parlamentari europee. Chiedo venia, delle volte sopravvaluto, ma fin qui ci poteva arrivare da solo anche un poppante in fasce.

    • Prima di farci svezzare da lei, ribadisco che nell’articolo non parliamo di detenzione ma di fermo e arresto. L’articolo che lei cita parla di detenzione. Una differenza non sottile. Inoltre il nostro è un articolo di cronaca, scritto nella serata di ieri e pubblicato nella mattina di oggi, con le informazioni disponibili in quelle prime ore successive ai fatti. La cronaca, come saprà dall’alto della sua esperienza, si limita a riportare fatti e dichiarazioni. Dopo vengono le analisi, le ricerche, le inchieste. Se quanto riportato dal sito da lei indicato troverà conferme ufficiali, lo riporteremo. Non è nostra intenzione montare un caso sulla vicenda di Luxuria il quale, concordo con lei, andava probabilmente in cerca di pubblicità.

      Vede, noi saremo dei poppanti. Non c’è dubbio. Ma nella nostra stupidità fatichiamo a comprendere la saggezza di chi denigra.
      Forse abbiamo preso una cantonata dando spazio a questa notizia. Se sarà così, faremo ammenda come già in passato quando abbiamo commesso sviste o errori. Sa, su quasi tremila articoli pubblicati in tre anni, qualche ciambella può anche non venire con il buco. “Chi non fa, non sbaglia” diceva mia nonna. In genere rispetto quelli che fanno, anche se posso non essere d’accordo su cosa fanno. Capisco meno quelli che sentenziano. Ma forse sono ancora troppo piccolo e sciocco per capirlo.
      Cordialmente

      Matteo Zola

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: