SLOVACCHIA: Sciolto il partito di Meciar, termina un'era

Dopo più di 20 anni di vita, il Partito Popolare – Movimento per una Slovacchia democratica (LS-HZDS) è stato sciolto, una decisione presa dai delegati del partito in un congresso straordinario tenutosi sabato scorso. Sergej Kozlik, leader lato politico del partito da settembre 2013, ha spiegato ai media che la ragione per lo scioglimento del movimento è la sua rigidità, che dopo avergli fatto perdere slancio lo ha fatto precipitare. In un dibattito acceso e a tratti emotivo, i delegati hanno ammesso che il partito ha realizzato tutti gli obiettivi politici principali per i quali fu costituito nel 1991.

Istituito nel giugno 1991 a Banska Bystrica, in seguito a una scissione di VPN (Pubblico Contro la Violenza), movimento protagonista dell’89 rivoluzionario, il Movimento per una Slovacchia democratica è stato presieduto per quasi 20 anni da Vladimir Meciar, due volte al governo come Premier e partito dominante (1992-1994 e 1994-1998) e una volta a sostegno del primo governo di Robert Fico (2006-2010) insieme a Smer-SD e SAS. Nelle elezioni del 2010 il partito non ha ottenuto i voti necessari per superare la quota di sbarramento del 5%, ed è stato l’inizio della fine.

HZDS ha polarizzato la politica slovacca nel primo decennio che ha fatto seguito al ritorno alla democrazia, e la figura di Meciar è legata al periodo più buio della Slovacchia democratica, con il rapimento del figlio del Presidente della Repubblica Michal Kovac, le privatizzazioni selvagge agli amici degli amici, e altri scandali. La situazione di allora portò il Segretario di Stato degli Usa Madeleine Albright a definire la Slovacchia degli anni ’90 il “buco nero d’Europa”. Meciar si dimise da presidente del partito nel 2012, e poche settimane fa ha restituito anche la tessera sbattendo la porta, ritenendo che l’attuale direzione avrebbe portato HZDS al fallimento. (Buongiorno Slovacchia)

Nella foto: Meciar e Vaclav Klaus in trattativa sul divorzio della Cecoslovacchia, 1992 (foto_aktuality.sk)

Chi è redazione

East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

Europee in Slovacchia: Un’altra sconfitta per i socialdemocratici

Le elezioni europee hanno segnato la vittoria di Slovacchia Progressista, formazione della neo-presidente Zuzana Čaputová. Lo sconfitto è ancora una volta il partito socialdemocratico di Robert Fico, che ora deve fare i conti con una fronda interna che ne chiede le dimissioni. L'analisi del voto.