BALCANI e CAUCASO: Aborti selettivi: quando una figlia femmina vale meno di un maschio

L’aborto selettivo, ovvero quella pratica secondo cui la donna abortisce in base al sesso del feto, è un fenomeno molto diffuso nel sud est asiatico, ma che dall’inizio degli anni ’90 si è diffuso molto anche nei Balcani e nel Caucaso.

A riportare l’attenzione sulla questione è una recente ricerca dell’Ined, l’Istituto nazionale francese di studi demografici, firmata da Christophe Z. Guilmoto e da Geraldine Duthe. Secondo i due accademici, il rapporto medio fra i neo-nati sarebbe normalmente di 105 maschi ogni 100 femmine. E quando questa media si discosta di molto, allora è il caso di chiedersi il perché.

Lo studio sottolinea come la “sex ratio” abbia raggiunto nei paesi del Caucaso del sud, come Armenia, Azerbaijan e Georgia, un livello paragonabile se non superiore a quello dell’India. In particolare lo sbilanciamento delle nascite è evidente in Azerbaijan, dove è stato raggiunta la media di 117 maschi per 100 femmine, numeri che posizionano la nazione caucasica al secondo posto dietro la Cina.

Nei Balcani occidentali, invece, lo bilancia è meno sproporzionata: in Albania, Kosovo e Montenegro la media si attesta intorno ai 110/111 maschi per 100 ragazze. Tuttavia – affermano i due ricercatori – “la regolarità di questa media attraverso gli anni conferma la reale esistenza di questo sbilanciamento”.

La preferenza di un figlio piuttosto che di una figlia sarebbe riconducibile alla persistenza dei tradizionali valori patriarcali, che si sarebbero addirittura rinforzati dopo la caduta dei regimi comunisti nei primissimi anni ’90. “La famiglia è allora diventata la più importante istituzione sociale esistente”.

Lo studio è stato comunque incapace di spiegare come mai negli altri Paesi post sovietici dell’Asia Centrale o dei Balcani non si siano visti simili fenomeni.

Foto: lifechoice.net

Chi è Valerio Pierantozzi

Giornalista professionista, sono nato a San Benedetto del Tronto nel 1980, ma sono pescarese di adozione. Ho passato 20 anni della mia vita a scuola, uscendo finalmente dal tunnel nel 2006 con una laurea in Filosofia. Amo il mare, il sole, le spiagge e odio il grigiore, le nubi, il freddo. Per questo nel 2014 mi sono trasferito in Svezia. Da grande vorrei essere la canzone “Night” di Sergio Caputo.

Leggi anche

Le due occasioni mancate del romanzo albanese

La storia del romanzo albanese è piuttosto recente, specie se paragonata alla fortuna del genere in altre letterature nazionali. Inoltre, è contraddistinta da una certa ripetitività dei temi, soprattutto complice il lungo periodo del realismo socialista. Due opere, tra le altre, avrebbero potuto cambiare il corso delle cose, ma furono ben presto messe ai margini dalla comunità letteraria.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com