GERMANIA: Parlamento tedesco, voto turco

Le elezioni in Germania sono state molto attese soprattutto per la portata internazionale di tale scelta politica. Come dicemmo in un articolo precedente, l’esito delle elezioni si orienta al mantenimento dello status quo.

Ma chi ha deciso il destino politico della Germania e dell’intera Europa?

Nella composizione della popolazione elettorale figurava una fetta consistente di cittadini di origine turca, circa 800.000. La comunità turca in Germania, considerevole nei numeri e influente nella società, ha tendenzialmente dato la propria preferenza all’ala social democratica, rivale di Angela Merkel. Tuttavia, il sostegno turco ai democristiani di Germania ha visto un inedito incremento proprio in corrispondenza di questa tornata elettorale.

Non solo l’elettorato attivo ha registrato la presenza turca in maniera importante. Una settantina di candidati turchi ha corso per queste elezioni, vedendo arrivare al parlamento di Berlino solo una parte di essiUndici nuovi legislatori di origine turca sono stati eletti al Bundestag tedesco, camera bassa del Parlamento del paese, a seguito delle elezioni federali del 22 settembre.

La maggioranza dei neo-eletti turco-tedeschi, 5 su 11, fanno parte della SPD: Aydan Özoğuz, Metin Hakverdi, Mahmut Özdemir, Gülistan Yüksel e Cansel Kızıltepe. Altri cinque fanno parte dei Verdi (Cem Özdemir, Ekin Deligoz e Özcan Mutlu) e di Die Linke (Sevim Dağdelen e Azize Tank). Una sola, Cemile Yusuf, siederà con il partito di maggioranza relativa, i cristiano-democratici della CDU; Yusuf è anche la prima deputata musulmana e di origine turca eletto nelle fila della CDU.

Ora si tratta di vedere quanto questa presenza potrà influire sull’atteggiamento tedesco, solitamente negativo, nei confronti di una Turchia candidato membro dell’Unione Europea.

Foto: AFP via euro2008.interia.pl

Chi è Silvia Padrini

Leggi anche

partita per i corridoi strategici

TURCHIA: Il ruolo di Ankara nella partita per i corridoi strategici

La partita per i "corridoi" strategici tra l'Asia e l'Europa è iniziata nel 2013 con la "Nuova Via della Seta" (BRI) proposta dalla Cina per facilitare gli scambi tra i due continenti. Nel 2023, a margine dei lavori del G20 di New Delhi, i leader di India, Arabia Saudita, Emirati Arabi e Unione Europea - sostenuti dagli Stati Uniti - hanno lanciato una nuova infrastruttura economica per connettere India–Medio Oriente–Europa (IMEC) e provare a contenere la crescente influenza del Dragone.  Ma a scombinare le carte ci ha pensato la Turchia che si è opposta strenuamente al progetto. Lo stato anatolico sta infatti pianificando da tempo un proprio schema di connettività strategico passante per l’Iraq e noto come “Development Road Project”. Rispetto all'IMEC, il collegamento pensato da Ankara ha il vantaggio di essere già in una fase avanzata di definizione mentre il  primo è ancora un concetto teorico. 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com