CROAZIA: La comunità islamica lotta per un’immagine moderata in Europa

di Vedran Obućina (trad. Davide Denti)

Rijeka, il più grande porto di mare della Croazia, nazione storicamente cattolica, è oggi sede di una nuova moschea, che ha aperto a maggio, finanziato dai musulmani croati, dalla Repubblica di Croazia e dallo Stato del Qatar. Il centro islamico di Rijeka è la prima moschea costruita sul mare Adriatico da quando gli ottomani governarono la costa croata quasi quattro secoli fa.

Per inaugurare la nuova moschea, l’emissario del Qatar Ghais bin Mubarak el-Kuwari ha sottolineato ai leader religiosi musulmani balcanici e ai funzionari del governo croato che “gli uomini sono creati da una donna e un uomo e divisi in nazioni e tribù, al fine di conoscersi l’un l’altro.” Ha consigliato: “i musulmani croati dovrebbero mantenere un approccio moderato, centrista, e questo centro islamico può essere un luogo di dialogo tra le diverse religioni”, aggiungendo che l’estremismo e il fanatismo sono prodotti di un’interpretazione errata della religione.

Il progetto della moschea è costato l’equivalente di 13 milioni di dollari e può ospitare tra 1.200 e 1.400 fedeli alla volta, con spazi aggiuntivi per attività educative e culturali, uffici, lezioni di religione, scuola materna, caffetteria e ristorante. Il complesso gode inoltre di una vista panoramica sul Golfo del Quarnero.

La Croazia è un crocevia tra le culture mediterranea, mitteleuropea, e balcanica. Ha tre moschee, rispetto alla Slovenia, che proprio ora sta costruendo la sua prima moschea nonostante la sua popolazione musulmana sia relativamente più grande. La Croazia è rinomata per il suo atteggiamento di apertura nei confronti delle minoranze religiose, in particolare nella capitale.

La città di Rijeka (Fiume) è tradizionalmente una città aperta, inclusiva e multiculturale, di cui i serbi sono la più grande singola minoranza. Il resto del paese è più omogeneo. I musulmani della Croazia, la terza più grande minoranza, occupano circa il 1,3 per cento della popolazione.

I circa 63.000 musulmani di Croazia provengono da Bosnia-Erzegovina e Sangiaccato (Serbia), insieme con i musulmani albanofoni dal Kosovo, Albania e Macedonia, e slavi musulmani dal Kosovo, Macedonia e Bulgaria. La maggior parte dei musulmani croati sono immigrati [interni, ndt] di seconda generazione. I loro genitori si sono trasferiti in Croazia quando faceva parte della Jugoslavia, poiché la Croazia offriva una migliore qualità della vita rispetto alle loro rispettive patrie. Alcuni profughi di guerra arrivarono anche durante le guerre degli anni ’90 ma solo pochi sono rimasti.

Le posizioni della comunità islamica di Croazia sono in gran parte occupate da bosgnacchi (slavi musulmani di Bosnia, Serbia e Montenegro, ndt.) e albanesi del Kosovo. Il nuovo mufti della Croazia, Aziz Effendi Hasanovic, è stato molto attivo nell’introduzione di un “modello croato” di integrazione. Hasanovic, nativo di un villaggio poco lontano da Srebrenica, in Bosnia, ritiene che la Croazia presenti la soluzione migliore per l’Islam in Europa.

Il fondamento di questo rapporto tra la Croazia e la comunità musulmana è stato posto nel 1916, quando la Croazia ha riconosciuto ufficialmente l’Islam. Questa relazione è stata ulteriormente rafforzata nel 2002 con un concordato che definisce i diritti dei musulmani e affronta questioni riguardanti imam, classi religiose, diritto di famiglia, costruzione di moschee e esigenze dietetiche musulmane.

La Croazia ha emesso più di 2.500 certificati alimentari di conformità di cibo halal, tra cui certificazioni con tutte le più grandi aziende alimentari del paese. Hasanovic sta promuovendo questo livello di cooperazione in altri paesi europei. Dal momento che la Croazia è diventato il 28esimo membro dell’Unione europea, ha presentato questo modello a Bruxelles.

Nel suo lavoro, Hasanovic cerca di costruire ponti tra le culture delle minoranze musulmane in Europa e dei cristiani nel mondo islamico. “Quando la gente a Bruxelles si chiedono i benefici di un tale modello, chiedo, ci possono essere più benefici per la Croazia di 63.000 ambasciatori? Perché ogni musulmano qui è l’ambasciatore della Croazia, dove le persone possono vivere secondo le loro convinzioni “, ha detto Hasanovic. Leadership in isolamento è inaccettabile per Hasanovic. “Le persone che vivono qui non hanno altra casa. Dobbiamo integrarci ed essere capiti”

La comunità islamica croata è anche in stretto contatto con l’esercito croato. Come membro della NATO, la Croazia offre supporto militare in Afghanistan e nelle missioni delle Nazioni Unite sulle alture del Golan, in Ciad e in altre regioni con popolazioni musulmane. Soldati e poliziotti sono stati ben accolti dalla popolazione locale grazie alla loro sensibilità alle usanze islamiche.

Diversi pregiudizi religiosi persistono ancora in Croazia, ma la sua lunga storia intrecciata con influenze culturali tra cattolici e musulmani dei Balcani incoraggia la condivisione di conoscenze e di tradizioni.

Pubblicato in inglese su The Atlantic Post; traduzione di Davide Denti. Foto: Skyscrapercity.com

Chi è redazione

East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

misure

CROAZIA: Le misure economiche per il coronavirus

Il governo croato ha messo in atto una serie di misure economiche per superare l'emergenza coronavirus, ma imprenditori e sindacati restano insoddisfatti

Un commento

  1. Due domande:
    Nel 1916 , era in corso la Grande Guerra, la Croazia era una regione dell’Austria Ungheria. Come faceva a riconoscere ufficialmente l’Islam?
    Le Chiese cristiane nel Qatar hanno diritto all’esistenza?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: