GRECIA: "Presto fuori dalla crisi", parola di Samaras il cinese

“Stiamo conducendo il Paese verso la ripresa economica e mettiamo le fondamenta per uno sviluppo di lunga durata”, parola del primo ministro greco, Antonis Samaras, che forte del rialzo del rating da parte dell’agenzia Fitch (da tripla C a B meno) parla all’assemblea annuale dell’Associazione degli Industriali di Grecia sottolineando che la Grecia sta per uscire dalla crisi e che la ripresa economica è soltanto questione di poco. “Favole” secondo l’opposizione. “La Grecia non uscirà dal baratro prima del 2020” ha affaermato Alexis Tsipras, leader del partito di sinistra Syriza, che cita le previsioni dello stesso Fmi e della Bce. E la crisi europea, che sta arrivando ora in Germania e Francia, sembra lungi dal terminare: come potrà la Grecia uscire dalla crisi se l’intera Europa c’è dentro?

Le dichiarazioni di Samaras però forse nascondono altro: il 15 maggio scorso, insieme a un folto gruppo di ministri e oltre sessanta fra armatori ed imprenditori greci, il primo ministro Antonis Samaras si è recato a Pechino per una visita ufficiale di quattro giorni alla ricerca di nuovi investimenti. Samaras ha incontrato così il primo ministro cinese Li Keqiang, e il presidente della Repubblica Popolare cinese, Xi Jinping. Al centro degli incontri un piano delle privatizzazioni di grandi infrastrutture in Grecia per le quali la Cina ha già espresso il suo interesse. Domenica 19 maggio Samaras è partito alla volta di Baku, capitale dell’Azerbaigian, per discutere la questione del gasdotto Tap (Trans Adriatic Pipeline) che farà arrivare in Italia il metano estratto dal giacimento di Shah Deniz in Azerbaigian attraverso la Grecia e l’Albania. Samaras, per uscire dalla crisi, guarda all’Oriente: un chiaro segno per la vecchia Europa.

Sia come sia, Samaras è tornato in testa nei sondaggi. Secondo una ricerca dell’Istituto di statistica di Atene, il partito conservatore Nea Dimokratia, avrebbe oggi il 21,6% delle preferenze contro il 21,4% di Syriza. Al terzo posto, con il 12,4% si conferma il partito filo-nazista Alba Dorata seguito dal Pasok (socialista) con il 6,3%, il Partito Comunista di Grecia (Kke) con il 6,2%, la Sinistra Democratica (DiMar) con il 5,1% e infine il partito dei Greci Indipendenti, con il 4,2%.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

CULTURA: l’anima segreta di Igoumenitsa, la “brutta” porta di accesso dei Balcani

Igoumenitsa è uno di quei luoghi dove ognuno di noi è stato è stato almeno una volta senza curarsi troppo di una città apparentemente priva di storia. Eppure, Igoumenitsa una storia ce l’ha ed è legata in modo indissolubile al suo porto e ai contrasti etnici che hanno infiammato i Balcani nel corso della loro storia. Una storia che ne ha condizionato in modo indelebile il suo aspetto, rendendola non meno rappresentativa della Grecia moderna rispetto a mete ben più note (ed esteticamente appaganti).

Un commento

  1. Sarebbe ora che la Grecia ricominci a vedere la luce. Speriamo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: