BOSNIA: Focus elezioni /5: Breve guida ai partiti politici

Il 3 ottobre la Bosnia-Erzegovina sarà chiamata alle urne per le elezioni politiche. Un appuntamento decisivo per lo stato balcanico: il risultato delle elezioni sancirà o la normalizzazione del quadro politico e un deciso cammino verso l’Unione Europea o il prolungamento dello stato di transizione istituzionale che dura ormai da 15 anni.
Le forze politiche che fra due settimane si presenteranno ai nastri di partenza sono un vero e proprio mosaico: eterogenee tra loro per ideologie, si dividono nei cosiddetti partiti “etnici” e “multietnici”. I primi rappresentano le istanze delle rispettive comunità nazionali sancite da Trattato di Dayton: la bosgnacco-musulmana, la croata e la serba. I secondi invece si propongono il superamento di tali divisioni e la creazione di una Bosnia unitaria.

Qui di seguito una breve guida ai maggiori partiti.

 Partito d’Azione Democratica (SDA): fondato nel 1990, è stato guidato per lungo tempo da Alija Izetbegović, autore del discusso saggio “Dichiarazione Islamica”, oppositore del regime comunista e presidente della Bosnia Erzegovina dal 1990 al 1996. Di ispirazione nazionalista e conservatrice, l’SDA è il principale partito di riferimento della comunità bosgnacco-musulmana. Alle elezioni del 2006 ha conseguito il 16,9% dei voti.

 Partito per la Bosnia Erzegovina (SBIH): formazione moderata di ideologia liberalconservatrice, fondata nel 1990. E’ guidata Haris Silajdžić, leader centrista, già Ministro degli Esteri e Primo Ministro bosniaco negli anni ’90. Lo slogan del partito è: “La Bosnia Erzegovina prima di tutto!”. Lo SBIH ha ottenuto nel 2006 il 15,5% dei voti.

 Alleanza dei Socialdemocratici Indipendenti (SNSD): partito politico guidato da Milorad Dodik, attuale Primo Ministro della Republika Srpska. Sulla carta socialdemocratico, l’SNSD è il più importante partito dei Serbi di Bosnia. La leadership di Dodik ha caratterizzato l’SNSD su posizioni nazionaliste, anti-musulmane e secessioniste: il sogno mai celato è quello di riportare la Republika Srpska sotto Belgrado. Alle elezioni del 2006 si è aggiudicato il 19,1% dei voti.

 Partito Democratico Serbo (SDS): ex formazione del criminale di guerra Radovan Karadžić, l’SDS è un partito di estrema destra ultranazionalista. Nel 2006 si è attestato sul 7,7 % dei voti.

 Comunità Democratica Croata (HDZ): filiazione diretta dell’omonimo movimento di destra presente in Croazia, l’HDZ è il principale partito “etnico” della comunità croata. Conservatore, nazionalista e cattolico, alle elezioni del 2006 ha raggiunto il 4,9% dei voti. Nella tornata elettorale del prossimo 3 ottobre l’HDZ si affida a Borjana Krišto, presidente uscente della Federazione di Bosnia Erzegovina e prima donna a ricoprire tale incarico. Per lei è stato coniato lo slogan “Borjana Krišto: una persona a cui credo!”

 Partito Socialdemocratico di Bosnia-Erzegovina (SDP): partito “multietnico” comprende al suo interno esponenti delle tre comunità nazionali (croata, bosgnacca e serba). Aderente all’Internazionale Socialista e al Partito del Socialismo Europeo, attualmente è guidato da Zlatko Lagumdžija, già Ministro degli Esteri dal 2001 al 2003. L’SDP si inserisce nel solco dei partiti socialdemocratici europei, propugnando welfare state, diritti civili e una società pluralistica. Nel 2006 ha conseguito il 10,1% dei voti.

 Naša Stranka (NS –  trad: Il Nostro Partito): formazione “multietnica” di ispirazione progressista, fondata nel 2008. Tra i fondatori vi è anche Danis Tanović, regista premio Oscar per il film “No Man’s Land”. I punti principali del programma di Naša Stranka sono la realizzazione di una società solidale ed aperta, una economia sociale di mercato e uno sviluppo delle autonomie locali.

Unione per una Bosnia migliore (SBB): partito politico fondato Fahrudin Radoncić, uomo d’affari bosgnacco, proprietario del quotidiano “Dnevni Avaz”. Filo-occidentale e filo-americano l’SBB ha come cavallo di battaglia un profondo rinnovamento della classe dirigente bosniaca. Il suo motto è: “Nuove persone! Nuova Bosnia!”

Foto di Matteo Zola

Chi è Federico Resler

Leggi anche

BOSNIA: “Rata néce biti”, la guerra non ci sarà (ma la secessione forse sì)

Con l'avvicinarsi delle elezioni politiche, in Bosnia Erzegovina riprende vigore la narrazione separatista. Protagonista Milorad Dodik, presidente serbo-bosniaco che parla esplicitamente di secessione

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com