SERBIA: La Chiesa serba tra religione e politica

di Federico Resler

 

Foto di Matteo Zola

 

“Libera chiesa in libero Stato”: è questo il motto coniato da Cavour per sancire la separazione tra il potere temporale e quello religioso. Un approccio che poco si attaglia al caso serbo: qui Chiesa (ortodossa) e politica (nazionalista) vanno a braccetto, quasi a sancire un legame inscindibile.

Per un leader serbo ricevere una benedizione da un pope non vuol dire solo assicurarsi le porte del paradiso, ma soprattutto un “cursus honorum” ricco di soddisfazioni e un pedigree da buon patriota. La Chiesa ortodossa è infatti un vero e proprio potere politico e un simbolo dell’identità nazionale: fondata nel Medioevo da San Sava, figlio del re Stefano Nemanja, è da sempre ritenuta il braccio religioso dell’autorità statale. E in quanto culto autocefalo, ovvero non dipendente dal Patriarca di Costantinopoli, è uno dei vanti principali per la destra sciovinista: un buon serbo deve essere per forza ortodosso.

La religione diviene così un marchio di riconoscimento a fini politici: deputati, segretari di partito e ministri sgomitano per avere un posto di fianco alle gerarchie ecclesiastiche. Una complicità che ha fatto calare una coltre di riservatezza sull’operato del clero ortodosso degli ultimi anni: dalla protezione ai criminali di guerra come Karadzic alle sparate ultra-nazionaliste.
In fondo la religione è una questione privata.

Chi è Federico Resler

Leggi anche

SERBIA: ll partito progressista di Vucic si consolida al potere

Il partito progressista serbo guidato dal Presidente Vučić vince le elezioni amministrative, non prive di irregolarità, e consolida il proprio potere sul paese. Con l'opposizione che non si è più presentata unita a Belgrado, SNS ha avuto vita facile nel confermare il proprio controllo della capitale e dell'intero paese, con l'unica eccezione di Nis in cui l'opposizione guidata da un cardiologo ha registrato un grande risultato.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com