SERBIA: Si suicida a Bruxelles l'ambasciatore alla Nato

DA SARAJEVO – Branislav Milinković, ambasciatore della Serbia presso la Nato, si è suicidato ieri presso l’aeroporto nazionale di Bruxelles-Zaventem. Secondo quanto riferiscono B92 e altri media serbi, Milinković si sarebbe tolto la vita gettandosi dal parcheggio dell’aeroporto, davanti agli occhi di Zoran Vujić, assistente ministro degli esteri serbo con delega alle politiche di sicurezza. Un salto di più di dieci metri che lo avrebbe ucciso sul colpo.

Secondo fonti internazionali, Milinković si sarebbe trovato all’aeroporto di Bruxelles proprio per incontrare Vujić e altri membri della delegazione diplomatica serba, in vista di un incontro con rappresentanti Nato. Proprio nel quartier generale dell’Alleanza Atlantica, in questi giorni si sta svolgendo il vertice dei ministeri degli esteri dei paesi membri (la Serbia non lo è, ma partecipa al programma di “Partenariato per la Pace”).

La morte di Milinkovic sarebbe avvenuta attorno alle 18.00 di ieri, ma la notizia è filtrata solo stamattina, 5 dicembre. In una nota ufficiale, il governo serbo ha confermato la notizia della “tragica scomparsa” dell’ambasciatore, senza però fornire ulteriori particolari sull’accaduto. Tuttavia, la circostanza del suicidio è stata confermata dalla Procura di Bruxelles. “Ci sono elementi che indicano chiaramente che si è trattato di suicidio e quindi l’inchiesta può già considerarsi chiusa”, ha detto un portavoce. Nessuna correlazione, dunque, con il cosiddetto Watergate serbo, il recente quanto oscuro scandalo intercettazioni che avrebbe coinvolto persino il presidente Nikolic.

Branislav Milinković, 52 anni, lascia una moglie e un figlio. Ricopriva l’incarico di ambasciatore presso la Nato a Bruxelles dal 2009, e dal 2004 e dal 2009 era stato inviato speciale della diplomazia serba presso l’Alleanza Atlantica, dopo avere ricoperto incarichi diplomatici presso le missioni serbe all’Osce e all’Onu.

Chi è Alfredo Sasso

Dottore di ricerca in storia contemporanea dei Balcani all'Università Autonoma di Barcellona (UAB); assegnista all'Università di Rijeka (CAS-UNIRI), è redattore di East Journal dal 2011 e collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso. Attualmente è presidente dell'Associazione Most attraverso cui coordina e promuove le attività off-line del progetto East Journal.

Leggi anche

mini-Schengen

Libera circolazione di persone e merci, verso una “mini Schengen” balcanica?

Serbia, Albania e Macedonia del Nord hanno sottoscritto un accordo per la libera circolazione di persone e merci, accordo che si allarga anche a Bosnia e Montenegro: già si parla di "mini-Schengen" balcanica

Un commento

  1. La storia è piena di cadute accidentali…chissà poi se sono davvero accidentali…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: