REP. CECA: A domanda risponde. Sempre più contrari all'Europa?

Anche nella terra degli interminabili sondaggi (elaborati. Proposti. Analizzati. Pubblicati. Valutati. Rielaborati) è possibile scivolare e ritrovarsi con niente in mano. La stampa ceca riporta infatti a scadenze ravvicinatissime i dati STEMcioè quanto viene partorito dalle grosse stanze della agenzia di statistica Středisko empirických výzkumů a Žižkov, e talvolta capita di perdersi. Ma questo, risalente a poco tempo fa (era metà aprile) suona particolarmente intrigante perché ti sbatte in faccia spietato il dato secondo cui un risicato quarantuno percento dei cechi sarebbe soddisfatto di Praga nella Unione Europea. Risultato più basso dalla adesione nel duemilaquattro. Proseguendo, in un potenziale referendum sul supposto nuovo ingresso nella Unione, sarebbe il cinquantasette percento della popolazione ad esprimersi in modo contrario. Motivo: circa tre quarti dei cittadini sono persuasi di come la Repubblica Ceca sia stata incapace di recitare un ruolo attivo nelle politiche comunitarie e lasciamo perdere che in questi otto anni si sono alternati sei premier (Vladimír Špidla, Stanislav Gross, Jiří Paroubek, Mirek Topolánek, Jan Fischer e Petr Nečas) espressioni di una situazione politica e partitica non tra le più solide, nonché un capo di stato proprietario di un europeismo più o meno personale e discusso.

La soddisfazione pubblica verso l’EU cala di circa nove punti percentuale ogni anno con un equilibrio perfetto, fanno notare gli amanti delle simmetrie, raggiunto dodici mesi fa.

Volendo essere ancora più puntuali, all’interno dei soddisfatti solo il sette percento si dice davvero soddisfatto. Viceversa tra gli scontenti è seriamente scontento un ben più sostanzioso venti.

«Nulla si tiene quaggiù che non sdruccioli o cada», scriveva al Ripellino l’amica praghese Zora Jiráková riferendosi alle complicazioni di fine anni sessanta. Stando ad oggi parrebbe sdrucciolare e cadere in zona la fiducia sulle reali possibilità che la Repubblica Ceca potrà contare nel breve qualcosa e sappia far sentire una propria voce propositiva tra Bruxelles e Strasburgo nel corso di questi tempi combattuti e insidiosi (stavano attorno al quaranta percento i fiduciosi nel quasi lustro 2006-2010 mentre al momento la banda si ritroverebbe parecchio sotto il trenta).
Comunque -assieme alla innegabile ironia- anche l’ottimismo è una dote spiccatamente locale. Coinvolti nel sondaggio STEM risultano essere in 1084 così al buon europeista non resta che confidare nella assoluta fede comunitaria dei rimanenti 10.466.000 connazionali. Magari avendo la premura di non telefonare a Václav Klaus.

Chi è Gabriele Merlini

Leggi anche

STORIA: Trent’anni fa la rivoluzione di velluto in Cecoslovacchia

Il 24 novembre 1989, in seguito alle proteste di Praga, Dubček e Havel ripristinarono un dialogo sospeso per vent'anni. Di lì a pochi giorni, con le loro rispettive nomine a presidente del Parlamento e della Repubblica, avrebbe avuto inizio una fase storica completamente nuova.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: