Chi rispetta i diritti Lgbt? Ecco la classifica arcobaleno

In occasione della Giornata Internazionale Contro l’omofobia e la transfobia (IDAHO), celebratasi lo scorso 17 Maggio, l’organizzazione ILGA-Europe ha reso pubblico il suo tradizionale “Rainbow Index” e l’ annessa Mappa arcobaleno. Ancora una volta il Regno Unito é arrivato in testa alla classifica, seguito dalla Spagna e dalla Germania. All’ultimo posto, invece si trovano la Russia e la Moldavia.

Quest’anno, oltre al Rainbox Index & Map 2012 (Mappa e Indice arcobaleno 2012), l’organizzazione ha pubblicato anche il suo primo “Annual Review”: Un documento di 180 pagine che offre un’analisi dettagliata, tanto legale come socio-economica, della situazione dei diritti umani di Lesbiche, Gay, bisessuali, Transessuali, Queer e Intersessuali in 49 paesi europei (si può scaricare cliccando qui). I documenti sono stati presentati in un atto a cui ha partecipato la commissaria Europea Cecilia Malmström.

In un comunicato, la direttrice esecutiva dell’organizzazione, Evelyne Paradis, ha sottolineato la novità che rappresenta l’ Annual Review: “La nostra Rainbow Map e l’Indice hanno già comprovato di essere strumenti molto utili e popolari  in relazione alla situazione giuridica. L’ Annual Review va ancora oltre e guarda al contesto sociale e politico che influenza le esperienze che vivono le persone LGBTI. L’eguaglianza formale è solo un passo nella strada verso la piena integrazione sociale“. Paradis ha sottolineato, inoltre, che nessun paese può vantarsi di rispettare pienamente i diritti umani delle persone LGBTQI e che, in generale, il livello dell’ uguaglianza legale delle minoranze sessuali resta molto basso in Europa. Preoccupano, inoltre, l’immobilismo di alcuni paesi (tra cui spicca l’Italia) e il moltiplicarsi di proposte di legge che criminalizzano qualsiasi menzione dell’omosessualità in pubblico.

I paesi dell’Europa Centro-Orientale

Purtroppo anche quest’anno i paesi dell’Europa Centro-Orientale occupano gli ultimi posti della classifica. Degli 11 paesi che si trovano in zona negativa 7 (8 se si include anche la Turchia) sono paesi dell’est e tra questi vi sono anche i due paesi con il peggior risultato assoluto. Al tempo stesso é importante notare che vari paesi della regione ottengono buoni risultati (nel caso dell’Ungheria fin troppo buoni) e che il Montenegro (a cui East Journal ha dedicato un post recentemente) si impone come una delle success stories di quest’anno.

Ecco i punti ottenuti dai paesi dell’Europa Centro-Orientale:

  • Ungheria: 14 punti.
  • Croazia: 10 punti.
  • Slovacchia, Slovenia e Repubblica Ceca: 9 punti.
  • Montenegro: 8 punti.
  • Albania, Bulgaria, Romania e Serbia: 6 punti.
  • Bosnia-Erzegovina: 5 punti.
  • Lituania: 3 punti.
  • Estonia, Kosovo e Polonia: 2 punti.
  • Georgia e Lettonia: 1 punto.
  • Bielorussia: -1 punto.
  • Armenia, Azerbaigiàn, Macedonia e Ucraina: -4 punti.
  • Moldavia e Russia: -4,5 punti.

I criteri utilizzati

Per preparare l’indice di quest’anno ILGA ha analizzato le leggi e procedure amministrative di ciascun paese sulla base di 42 categorie. In base ai risultati ottenuti i paesi si sono visti attribuire un punteggio complessivo che va da +30 punti (il punteggio più alto, pieno rispetto dei diritti umani e uguaglianza legale delle persone LGBTQI) a -12 punti (punteggio minimo: gravi violazioni dei diritti umani delle persone LGBTQI). Le soprammenzionate 42 categorie coprono un ampio spettro di legislazioni e procedure amministrative nelle seguenti aree:

  • diritto d’asilo (l’orientamento sessuale é riconosciuto come un criterio per il riconoscimento del diritto d’asilo)
  • eguaglianza e non discriminazione
  • leggi contro l’omofobia e contro i discorsi che incitano all’odio
  • famiglia (riconoscimento dei diritti delle coppie e famiglie LGBT)
  • libertà di associazione, assemblea e espressione
  • riconoscimento legale del cambio di sesso per le persone Transessuali

La classifica generale del Rainbow Index 2012

Il plotone di testa, che include i paesi che hanno ottenuto i migliori risultati, é composto dai seguenti stati:

  • Gran Bretagna (21 punti)
  • Germania e Spagna (a parimerito con 20 punti ciascuno)
  • Svezia (18 punti)
  • Belgio (17 punti)

Nove paesi sono nella zona negativa e non soddisfano i più basici standard sui diritti umani:

  • Belarus e Liechtenstein (a pari demerito con -1 punto ciascuno)
  • Monaco, San Marino e Turchia (a pari demerito con -3 punti ciascuno)
  • Armenia, Azerbaijan, FYR Macedonia e Ucraina (a pari demerito con -4 punti ciascuna)

I paesi dove la situazione delle minoranze sessuali é la peggiore in Europa sono però: Moldavia e la Russia (a pari demerito con -4.5 punti ciascuno)

Pur senza voler entrare in un’analisi dettagliata dell’Indice e dei parametri utilizzati per realizzarlo vi sono alcuni punteggi per lo meno sorprendenti. Come ha sottolineato un’importante web gay spagnola sorprendono in particolare l’elevato punteggio ottenuto dall’Ungheria (+14 punti!) e il basso punteggio ottenuto dalla Francia ( +6 punti) che ottiene lo stesso risultato dell’Albania e della Bulgaria. Ancora più sorprendente risulta, poi, il fatto che paesi che non riconoscono una piena eguaglianza giuridica alle coppie e famiglie LGBT (come il Regno Unito o la Germania) ottengano gli stessi o più punti di paesi come la Spagna, il Belgio o la Svezia, dove il matrimonio egualitario é già legge.

Ps: E L’italia?

Ha ottenuto +2,5 punti. Mezzo punto meno della Lituania e solo mezzo punto in più del Kosovo. L’Italia resta quindi uno dei fanalini di coda in materia e ottiene il peggior risultato tra i grandi paesi dell’UE. Se a questo si somma il disastroso -3 ottenuto da San Marino si può dire che la penisola italiana é ancora molto lontana da un pieno riconoscimento dei diritti civili delle minoranze sessuali. Decisamente, non é una penisola per gay.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

Contro la chiusura di Radio Radicale

La nostra redazione si schiera in difesa di Radio Radicale, contro l'ingiusta chiusura di un patrimonio dell'informazione pubblica italiana.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: