MOLDAVIA: Esplode gasdotto in Transdniestria

Transnistrianregionmap

Un’esplosione si e’ verificata stamani su un gasdotto russo in Transdniestr, regione secessionista della Moldova, interrompendo le forniture di gas russo verso i Balcani. Lo rivela la compagnia che gestisce il gasdotto in Transdniestr, la Tiraspoltransgaz, mentre la compagnia bulgara, la Bulgargaz, afferma che in Bulgaria il gas russo continua ad affluire per altre vie.

L’esplosione  è avvenuta alle 05.35 locali (le 04.35 italiane) lungo il gasdotto a qualche chilometro da Tiraspol, l’autodichiarata capitale del Transdniestr. Le forniture di gas russo verso i Balcani sono state sospese, almeno secondo la compagnia moldava. La russa Gazprom per il momento non conferma e per ora è stato escluso si tratti di un atto terroristico.

La Bulgargaz, per bocca dell’amministratore delegato, Dimitar Godov, ha detto che malgrado l’esplosione il gas russo continua ad affluire attraverso gasdotti alternativi, e non risultano diminuiti né la pressione né i quantitativi. Il gasdotto trasporta 3 miliardi di metri cubi l’anno di gas verso la Bulgaria, circa 4,5 miliardi di mc alla Romania e una parte della fornitura per la Turchia.

ANSA Balcani

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e ISPI. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (EastWest, Nigrizia, Il Tascabile, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore e curatore di "Ucraina, alle radici della guerra" (Paesi edizioni, 2022) e di "Interno Pankisi, dietro la trincea del fondamentalismo islamico" (Infinito edizioni, 2022); "Congo, maschere per una guerra"; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) entrambi per Quintadicopertina editore (2015); "Il pellegrino e altre storie senza lieto fine" (Tangram, 2013).

Leggi anche

MOLDAVIA: Il Partito Șor dichiarato incostituzionale

La Corte costituzionale moldava ha dichiarato illegale il Partito Șor, da un anno al centro dei tentativi di destabilizzazione del paese.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com