POLONIA: Focus elezioni/5 – Si va al ballottaggio

Tutto come da copione in Polonia, il voto per eleggere il nuovo Presidente della Repubblica -anticipato dopo la morte di Lech Kaczynski nell’incidente aereo di Smolensk- non ha dato esito al primo turno. Si andrà dunque al ballottaggio il prossimo 4 luglio.

Come da copione, dicevamo. Il liberale Bronislaw Komorowski, infatti, è avanti nel primo turno delle elezioni presidenziali in Polonia con il 41,22% dei voti. Il recupero nei consensi di Jaroslaw Kaczynski (fermo 36,74%) gli impedisce la vittoria al primo turno. Il candidato di sinistra, il socialdemocratico Grzegorz Napieralski, è arrivato terzo con il 13,7% dei voti. L’affluenza è stata bassa, ferma al 54,85%.

Scarsa affluenza dovuta anche a una campagna elettorale che si è scaldata solo nell’ultima settimana, i toni bassi sono anche dovuti al fatto che questa elezione è segnata dalla morte dell’ex Presidente. Ora che il lutto stretto è finito i due candidati avranno tempo di affilare i coltelli.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

Il PiS avanza

Europee in Polonia: La destra avanza

Ancora una volta il partito conservatore e nazionalista del PiS (Diritto e Giustizia) ha convinto la maggioranza degli elettori polacchi. Dopo una leggera flessione alle amministrative dello scorso ottobre, il 45 % ottenuto dal PiS alle ultime europee consolida il potere di Kaczyński. Per vincere le prossime politiche (ottobre 2019) all'opposizione polacca servirà un'impresa.