presidente ungherese

UNGHERIA: Scandalo grazia e pedofilia, si dimette la presidente ungherese Novak

Con un messaggio trasmesso in televisione sabato 10 febbraio, si è dimessa la presidente ungherese Katalin Novák, stretta alleata del primo ministro Viktor Orbán. Anche l’ex ministra della giustizia, Judit Varga, considerata candidata di punta di Fidesz alle europee, ha annunciato il ritito dalla politica.

La grazia a chi insabbiava crimini di pedofilia

Nell’aprile 2023, in vista della visita di Papa Francesco, Novák aveva deciso di concedere la grazia – controfirmata dalla ministra Varga – a due dozzine di persone nell’aprile 2023 – ma i loro nomi erano rimasti sconosciuti.

Settimana scorsa, il giornale indipendente 444.hu ha rivelato che tra questi vi era Endre K., vicedirettore dell’orfanotrofio di Bicske, che aveva contribuito a insabbiare gli abusi sessuali da parte del suo capo sui diversi minorenni a loro affidati tra il 2004 e il 2016. I due erano stati condannati rispettivamente a otto anni e a tre anni e quattro mesi di carcere nel 2022. Secondo gli atti processuali, il vicedirettore aveva fatto pressioni sui minori per costringerli a ritrattare le proprie testimonianze sugli abusi subiti.

Le proteste montano

La rivelazione ha portato a pressione dell’opposizione e proteste di piazza a Budapest. Per tentare di contenere le conseguenze politiche dello scandalo, Fidesz ha presentato giovedì sera in parlamento un emendamento costituzionale che priva il presidente del diritto di graziare i condannati per crimini contro i minori. Novák si è detta favorevole, e ha affermato di non aver mai firmate grazie per casi simili.

Ma lo scandalo ha continuato a montare, anche tra i ranghi di punta di Fidesz. Venerdì sera oltre mille manifestanti si sono radunati davanti al palazzo presidenziale con striscioni con la scritta “Dimettiti!”. Tre consiglieri presidenziali hanno lasciato i loro incarichi, mentre la presidente era in Qatar per assistere ai mondiali di pallanuoto – si giocava Ungheria-Kazakistan.

Le dimissioni

Le dimissioni sono arrivate al suo rientro a Budapest, sabato. “Mi dimetto dal mio incarico”, ha detto Novák in televisione, riconoscendo di aver commesso un errore. “La grazia concessa e la mancanza di spiegazioni potrebbero aver fatto sorgere dubbi sulla tolleranza zero nei confronti della pedofilia”, ha affermato. “Ma su questo argomento non ci possono essere dubbi”.

Chiedo scusa a coloro che ho ferito e a tutte le vittime che potrebbero aver avuto l’impressione che non li sostenessi”, ha aggiunto l’ex ministra alle politiche familiari. “Sono, ero e resterò favorevole alla tutela dei bambini e delle famiglie”.

Pochi minuti dopo, anche l’ex ministra della giustizia Judit Varga, ha annunciato il suo “ritiro dalla vita pubblica”. “Rinuncio al mio mandato di deputata e di capolista al Parlamento europeo”, ha affermato. Varga aveva lasciato il ministero per guidare il partito alle venture elezioni europee.

Le responsabilità di Orbán

Già vicepresidente del partito Fidesz, Novak era stata eletta alla presidenza nel marzo 2022, prima donna capo di stato dell’Ungheria, con un profilo da cristiano-conservatrice, in linea con la posizione ufficiale del partito di Viktor Orbán, che si è più volte fatto scudo della “protezione dei bambini” e del sostegno alla “famiglia tradizionale” per mascherare le proprie politiche nazionaliste e autocratiche.

Novák sarebbe dovuta rimanere capo di stato fino al 2027 con possibilità di secondo mandato. Fino allo scoppio dello scandalo, era una dei politici di più alto gradimento in Ungheria, con oltre il 60% dei consensi.

Il presidente del partlamento László Kövér, altro stretto alleato di Orbán, ricoprirà temporaneamente il ruolo di capo di stato.  Il parlamento ungherese, in cui Fidesz ha la maggioranza assoluta, eleggerà un nuovo presidente a inizio marzo.

Solo l’anno scorso, Forbes aveva indicato Novák come la donna più influente nella vita pubblica ungherese. Con la sua partenza, la politica ungherese resta ancor più dominata dagli uomini. Dalla metà del 2023 non ci sono donne nel governo di 16 ministri guidato da Viktor Orbán.

Le responsabilità di Orbán

Lo scandalo che ha colpito Novák e Varga rappresenta una inaspettata battuta d’arresto per Orbán e il suo partito, che sperava di rafforzare il proprio consenso alle elezioni europee di inizio giugno, dopo le quali (non prima, per via delle divergenze su Putin) Orbán conta di entrare tra i Conservatori e Riformisti Europei (ECR) guidati da Meloni e dal PiS polacco.

“È stato rapido: prima Novák, poi Varga”, ha reagito l’eurodeputata liberale ungherese Anna Donath. “Ma sappiamo che nessuna decisione importante può essere presa in Ungheria senza l’approvazione di Viktor Orbán. Deve assumersi la responsabilità e spiegare cosa è successo… è il suo sistema”.

Máté Kocsis, capogruppo di Fidesz al parlamento ungherese, ha detto che le due politiche “hanno preso una decisione responsabile”, aggiungendo che “le loro dimissioni sono la prova che anche a destra gli sbagli hanno conseguenze”.

Ma Péter Magyar, ex marito di Varga e figura con stretti legami con gli ambienti governativi, ha annunciato che si sarebbe dimesso dalle sue posizioni in aziende statali. “Non voglio nemmeno per un minuto far parte di un sistema in cui i veri responsabili si nascondono dietro le gonne delle donne“, ha scritto.

Foto: Reuters/Bernadett Szabo

Chi è Andrea Zambelli

Andrea Zambelli è uno pseudonimo collettivo usato da vari membri della redazione di East Journal.

Leggi anche

Polonia FIAT

POLONIA: Chiude la storica fabbrica FIAT di Bielsko-Biala

Stellantis chiude la storica fabbrica di automobili nella città polacca di Bielsko-Biała, che opera dal 1948. Restano a casa 468 operai

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com