UCRAINA: Perché la Russia punta verso il Donbass?

Abbandonate le posizioni intorno a Kiev, i russi puntano verso il Donbass. Perché? La guerra sembra prossima a una sfida cruciale…

A partire dallo scorso 28 marzo, l’esercito russo ha ritirato le sue truppe da Kiev. I sobborghi della capitale, insieme a Chernihiv e Cernobyl’, sono tornati sotto il controllo ucraino. Una mossa che dimostra come la resistenza ucraina abbia spinto il Cremlino a rivedere i propri piani. Non una ritirata, tuttavia, ma una riorganizzazione. Truppe fresche e nuovi mezzi sono confluiti verso il Donbass, mentre in patria è stata ordinata la mobilitazione dei riservisti e una coscrizione obbligatoria. La Russia si prepara a un conflitto prolungato.

Quali siano gli obiettivi a lungo termine del Cremlino, nessuno lo sa. La conquista del Donbass potrebbe essere sufficiente a giustificare un accordo di pace davanti all’opinione pubblica russa? Mariupol’ è in rovina, gli ucraini resistono nella zona del porto ma la città sembra destinata a cadere, saldando così i territori della Crimea e della Novoróssija con quelli di Donec’k e Luhan’sk. Basterà al Cremlino per dire di aver vinto la guerra? Colonne di mezzi militari scendono verso Slovian’sk, mentre Izyum è già caduta e missili piovono su Kramatorsk e Sjeverodonec’k, dove la popolazione vive da giorni nei rifugi senz’acqua e senza elettricità. Gli attacchi arrivano anche dai territori in mano ai separatisti. I russi intanto avanzano anche da Luhan’sk.

Nella regione si trovano le migliori forze ucraine, addestrate da otto anni alla controguerriglia, stanziate sulla linea di contatto con le repubbliche separatiste e armate dagli occidentali. Un osso duro per l’esercito russo, che sembra però intenzionato a circondarle e annientarle, sferrando così un colpo decisivo – se non mortale – alla resistenza ucraina. Le prossime settimane potrebbero quindi essere decisive per il conflitto. Se i russi sfondano, la via per Dnipro è aperta. Se gli ucraini resistono e ricacciano indietro il nemico, per la Russia potrebbe essere l’inizio della fine. Ma le strategie militari restano poco chiare, la situazione sul campo complessa e mutevole, e ogni previsione è azzardata e impossibile.

Preparandosi all’assalto russo, il presidente Volodymyr Zelensky ha promesso: “Combatteremo per ogni metro della nostra terra”.

Il prossimo 9 maggio ricorre l’anniversario della vittoria russa nella Seconda guerra mondiale. Si celebra la “Grande guerra patriottica“, lo sforzo per cacciare i tedeschi dal suolo russo e sconfiggere per sempre il nazismo. Il giorno giusto per celebrare una vittoria contro i nuovi, ipotetici, “nazisti” di Kiev.

Infografica tratta da BBC

Map of control

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e ISPI. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (EastWest, Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra" e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) entrambi per Quintadicopertina editore (2015).

Leggi anche

Seicento morti. Le vittime del teatro di Mariupol ci furono eccome

Sono state 600 le vittime del teatro di Mariupol', colpito dai russi il 16 marzo scorso. E qualcuno diceva che erano "frottole" e "propaganda"

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: