Breve storia dei Rom in Europa

di Lucie Fremlova, autrice del volume Queer Roma (Routledge, 2021; open access)

Chi sono i Rom? I Rom sono una minoranza etnica diversificata, eterogenea e transnazionale, disseminata in vari continenti come Europa, Nord e Sud America, Australia, Africa e, secondo alcuni studiosi, persino l’Asia (Hancock 2002, xx).

I Rom sono spesso indicati come una nazione senza uno stato o un territorio. Nella sola Unione Europea (UE) si stima che i rom siano compresi tra 10 e 12 milioni: questo rende i Rom la più grande minoranza etnica o “razziale” d’Europa.

I Rom differiscono significativamente da continente a continente; di paese in paese; di regione in regione. Questa eterogeneità si riflette anche nei diversi nomi che rientrano nel termine generico di “Roma”: Vlach Rom, Rumungro Rom, Kalderash, Sinti, Lavari, Manouche, Ashkali, Boyash, Tattare, Kale, Ursari, Luri, Romanichals o Romany, Gypsies, Yenish, Gitanos e molti altri.

Molti membri dei diversi gruppi e sottogruppi transnazionali Rom hanno mantenuto aspetti di una cultura e dialetti condivisi della lingua rom sin dall’XI e XII secolo. A partire da filologi comparati come come Grellmann (1783), si è stabilito un consenso tra studiosi e linguisti, compresi quelli rom come Hancock (2002), Horváthová (2002), Le Bas (2010) e Lee (2009).

Secondo tale consenso, si ritiene che i Rom europei odierni discendano dalle truppe indiane Rajput (Kshatriya) e dalle loro salmerie di campo, composte da caste, sottocaste e livelli sociali (jatis). Si ritiene che i Rom abbiano lasciato l’attuale India settentrionale in diverse fasi e ondate (Hancock 2002) tra il III e il IX-X secolo, durante una serie  di incursioni guidate da Mahmud di Ghazna tra il 1000 e il 1027 d.C. nel tentativo di diffondere l’Islam.

Tuttavia, il momento esatto, le modalità e le circostanze della partenza dei Rom dall’India e dell’arrivo in Europa rimangono sconosciuti (Horváthová 2002, Matras 2015, 159). Degli indizi si possono ritrovare nel vocabolario della lingua rom, che condivide le sue parole più antiche e basilari come acqua (pani) o casa (kher), oltre a parole relative alla guerra e all’esercito, con altre lingue indiane come hindi, panjabi, gujarati, nepalese, bengalese e molte altre (Lee 1998; Hancock 2002), incluso il greco (Horváthová 2002) e il persiano (citato in McGarry 2010).

Tuttavia, è importante sottolineare che antropologi come Okely (1983), Willems (1997) e Lucassen et al. (1998) hanno messo in discussione l’eredità della prospettiva linguistica. L’evidenza storica suggerisce che i Rom arrivarono a Costantinopoli bizantina tra l’810 e il 1050 d.C. (Groome 1908, 485) – la prova di una presenza rom è in un documento di Costantino XI Paleologo risalente al 1283 (Hancock 2002, 15) – e successivamente in altre parti d’Europa nel XIV e XV secolo (Liégeois 1986 ; Hancock 2002). Ad esempio, la prima testimonianza ufficiale della presenza di egizi – da cui “zingari “– in Scozia è del 1505 e in Inghilterra del 1513/1514 (Kenrick e Clark 1995, 24) dove questi gruppi sono talvolta chiamati Travellers.

La Chiesa, lo Stato e le corporazioni commerciali introdussero e mantennero misure e leggi antizigane dal sedicesimo al diciottesimo secolo. Nel 1568 papa Pio V espulse i Rom dalla Santa Romana Chiesa (Hancock 2002). Dal XIV secolo fino al 1855 in Moldavia e 1856 in Valacchia (Matras 2015), i Rom non furono espulsi ma ridotti in schiavitù (Liégeois 1983; Hancock 2002). Nella Moravia sud-orientale, i Rom iniziarono a stabilirsi alla fine del ‘600 grazie alla tolleranza dell’aristocrazia locale, il che fece sì che solo pochi Rom fossero esentati dalle leggi antizigane. Come condizione, tali persone tollerate dovevano interrompere ogni contatto con le loro famiglie e abbandonare cultura, tradizioni e lingua rom (Horváthová 2002).

In Ungheria sotto il regno di Maria Teresa, nel XVIII secolo, i Rom si stabilirono nell’ambito del suo progetto di assimilazione e sedentarizzazione. Ai rom era vietato parlare rom o indossare abiti tradizionali. I bambini rom venivano spesso portati via dalle loro famiglie. In Spagna, i Rom furono insediati con la forza e ridotti in schiavitù, soprattutto a seguito del “grande rastrellamento” in Andalusia nel 1749 (Liégeois 1983; Horváthová 2002).

La situazione reale e le condizioni di vita dei Rom nell’Europa dell’ottocento differivano largamente. Nelle terre ceche, ad esempio, molti Rom rimasti itineranti vennero puniti per il loro vagabondaggio in linea con vari decreti atizigani asburgici, come l’ordinanza n. 14015/1887 del 14 settembre 1888 del ministero dell’interno viennese sugli zingari erranti  (Zeľová et al. 1994). I rom vagabondi vennero quindi arrestati, perseguiti, incarcerati, espulsi o arruolati nell’esercito ungherese.

Nel frattempo, nella vicina regione della Moravia meridionale e sudorientale, molti Rom stabiliscono insediamenti permanenti, poiché la base per l’integrazione e l’insediamento era stata posta sin dal ‘600 con l’assimilazione (Horváthová 2002, 39). Nel frattempo  in Moldavia e Valacchia (l’attuale Romania), i Rom furono ridotti in schiavitù per 500 anni fino al 1855–1856.

Negli ultimi due secoli, i Rom hanno continuato a far fronte a rifiuto, emarginazione, oppressione, assimilazione forzata, razzismo, persecuzione e, nei casi più estremi, sterminio. Nella prima metà del XX secolo, attingendo alle già citate misure antizigane austro-ungariche del XIX secolo, gli stati centro-europei ricorsero a misure repressive che regolavano il movimento dei Rom, come l’introduzione di carte d’identità zingare – un documento speciale che includeva le impronte digitali del titolare invece di una fotografia, così come le leggi draconiane contro il nomadismo zingaro, adottate in Francia nel 1912, in Baviera nel 1926 o in Cecoslovacchia nel 1927 (Liégeois 1983; Horváthová 2002).

Il 14 luglio 1927, la Camera dei Deputati dell’Assemblea Nazionale Cecoslovacca adottò la legge n. 117/1927 Coll. sugli “zingari vagabondi”, definiti come “Zingari che vagano da un posto all’altro  e altri vagabondi che evitano il lavoro e vivono secondo lo stile di vita degli Zingari’ – abitualmente sostituito dal termine generico di ‘Zingari’ che, a quel tempo, non aveva solo un significato etnico – richiedeva alle persone di età pari o superiore a 14 anni di portare sempre con sé e produrre su richiesta  la loro carta d’identità zingara (Horváthová 2002, 43). La legge proibiva la residenza dei Rom stranieri e regolava l’atteggiamento dell’amministrazione statale nei confronti del nomadismo, considerato un istinto innato o addirittura una caratteristica “razziale” di tutti i Rom. L’atto autorizzava inoltre le autorità locali a bandire i Rom da luoghi designati, con un impatto in parte anche sui Rom insediati, e con conseguente istituzione del Centro per la registrazione Zingari nomadi a Praga con decreto del governo n. 68/1928 (IOM 2003, 8).

Ciò dimostra come in tutta la regione, queste continuità di lungo periodo risalgono alla comune eredità asburgica e al periodo tra le due guerre, permettendo di disconnettere l’associazione della repressione dei Rom solo con regimi come il fascismo o il comunismo (Donert 2017, 2020). Abbiamo visto l’esempio della Cecoslovacchia, con la sua legge tra le due guerre sulla regolamentazione del movimento degli “zingari” nomadi e l’introduzione di passaporti speciali questa era anche una pratica utilizzata da vari stati dell’Europa occidentale come la Francia.

In tutta Europa, simili politiche repressive hanno portato all’Olocausto rom, ‘O Baro Porajmos’ (“Porrajamos”, “Pharrajimos”), il “Grande Divoramento’, noto anche come ‘Samudaripen’ durante la seconda guerra mondiale. Con tale termine ci si riferisce all’annientamento di centinaia di migliaia di Rom, compresi i “meticci zingari” e quelli percepiti come Rom, nell’Europa centrale e orientale. Le stime del numero delle vittime variano da 220.000 (Milton 1991) a 1.500.000 (Hancock 2005). Lo sterminio in alcuni paesi è stato completo: ad esempio nel protettorato di Boemia e Moravia, solo circa un decimo dei 5000 rom boemi e moravi è sopravvissuto  (Schneider et al. 2009, 283). Gli altri furono assassinati ad Auschwitz, con il risultato che i dialetti rom boemi sono oggi pressoché estinti.

 

Foto: Lucie Fremlova, twitter

Chi è redazione

East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

reazioni est

Guerra all’Ucraina, le reazioni in Europa orientale

Le reazioni in Europa dell'Est non tardano ad arrivare dopo l'invasione della Russia in Ucraina: il sostegno è (quasi sempre) incondizionato.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Privacy Preference Center

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: