CIPRO: Criminali e corrotti hanno comprato passaporti UE

Truffatori condannati, riciclatori di denaro sporco e politici accusati di corruzione sono tra le dozzine di persone provenienti da più di 70 paesi che hanno acquistato i cosiddetti “passaporti d’oro” da Cipro, secondo una grande quantità di documenti ufficiali ottenuti dall’unità investigativa di Al Jazeera.

Cipro, cittadinanza UE in vendita

Oltre 1.400 domande di cittadinanza approvate dall’isola di Cipro tra il 2017 e il 2019 sono incluse nel leak dei Cyprus Papers. I loro contenuti sollevano serie domande sul programma di “cittadinanza tramite investimento” di Cipro, secondo cui i richiedenti devono investire almeno 2,15 milioni di euro, di solito acquistando immobili, e avere una fedina penale pulita. Il governo cipriota dovrebbe controllare tali requisiti, ma secondo i documenti ottenuti da Al Jazeera ciò spesso non accade.

Un passaporto della Repubblica di Cipro, stato membro UE, è di grande valore poiché offre al suo titolare l’accesso a viaggi, lavoro e servizi bancari gratuiti in tutti i 27 stati membri. Dal 2013, anno in cui ha preso il via il programma, Cipro ha accumulato oltre 7 miliardi di euro, utilizzati per ripianare il bilancio in debito. Il programma ha ricevuto ripetute critiche dalla Commissione europea, che ne ha chiesto la chiusura.

Russi, ucraini e cinesi: i nuovi europei

Tra il 2017 e il 2019, i paesi con il maggior numero di persone che hanno presentato domanda sono stati Russia, Cina e Ucraina. Tra le domande approvate visionate da Al Jazeera cè quella del magnate ucraino Mykola Zlochevsky, proprietaria della grande compagnia energetica Burisma.

Quando Zlochevsky ha acquistato il suo passaporto cipriota nel 2017, era già indagato per corruzione in Ucraina. Nel giugno 2020 i pubblici ministeri ucraini hanno dichiarato che erano stati loro offerti 6 milioni di dollari in contanti per chiudere le indagini. Zlochevsky e Burisma negano di sapere nulla di tale tangente. Come molti altri ricercati nel loro paese d’origine, il passaporto cipriota di Zlochevsky gli consente di vivere oltre la portata delle forze dell’ordine ucraine.

Una domanda simile è arrivata dal cittadino russo Nikolay Gornovskiy, ex capo del colosso energetico statale Gazprom. Gornovskiy era già sulla lista dei ricercati della Russia per abuso di potere quando Cipro ha approvato il suo passaporto nel 2019 e finora ha sventato tutti i tentativi di estradarlo.

Altre domande sono state approvate anche dopo che il ricorrente era stato arrestato e talvolta ha anche scontato la pena in prigione. Ali Beglov, un cittadino russo, ha acquistato il suo passaporto nonostante abbia scontato una pena detentiva per estorsione, cosa che non avrebbe dovuto essere possibile secondo le regole di Cipro.

Anche l’uomo d’affari cinese Zhang Keqiang ha ricevuto un passaporto cipriota, nonostante abbia trascorso del tempo in prigione per frode azionaria.

Il passaporto cipriota dell’uomo d’affari vietnamita Pham Nhat Vu è stato approvato un mese dopo che questi è stato accusato di aver versato milioni di dollari in tangenti in un affare di telecomunicazioni. Ora sta scontando tre anni di carcere.

I rischi intrinseci dei programmi di cittadinanza tramite investimento

Secondo Laure Brillaud, Senior Policy Officer di Transparency International, ONG impegnata nella lotta alla corruzione internazionale, tali risultati sono preoccupanti ma non sorprendenti. “Questi programmi comportano rischi intrinsechi di riciclaggio di denaro, corruzione ed evasione fiscale. Sono stati progettati per attirare persone che cercano solo una corsia preferenziale per l’UE”, ha detto ad Al Jazeera.

Cipro corre ai ripari

Nel maggio 2019, Cipro ha introdotto regole più severe per l’accesso alla cittadinanza tramite investimento, che escludono chiunque sia indagato, ricercato, condannato o soggetto a sanzioni internazionali.

I parlamentari ciprioti a luglio 2020 hanno finalmente approvato una legge che dava al paese il potere di ritirare la cittadinanza dopo diversi scandali che hanno coinvolto noti investitori con “passaporto d’oro”. La nuova legge si applica a chiunque commette un reato grave, è ricercato dall’Interpol o soggetto a sanzioni nei 10 anni successivi all’acquisto del passaporto. Allo stesso tempo, il Parlamento ha votato contro la pubblucazione dei nomi di coloro che acquistano la cittadinanza cipriota.

Secondo la parlamentare cipriota Eleni Mavrou,”il modo in cui il programma è stato attuato negli ultimi anni  ha consentito casi di cui la Repubblica di Cipro dovrebbe vergognarsi”.

Chi potrebbe perdere il passaporto cipriota

Il governo cipriota ha annunciato di stare riesaminando tutte le domande passate e che circa 30 persone potrebbero vedersi ritirata la cittadinanza cipriota. Ma i Cyprus Papers indicano che i numeri potrebbero essere molto più grandi. Il ministro dell’Interno cipriota, Nicos Nouris, ha detto ad Al Jazeera che “nessuna cittadinanza è stata concessa in violazione delle norme allora in vigore”.

Tra le persone che potrebbero vedersi ritirato il passaporto cipriota vi sono il venezuelano Leonardo Gonzalez Dellan, ex banchiere, sotto sanzioni degli Stati Uniti per aver riciclato milioni in accordi di valuta illegali per il governo venezuelano.

Un’altra persona che potrebbe perdere il passaporto cipriota è Oleg Bakhmatiuk, indagato in Ucraina per appropriazione indebita e riciclaggio di denaro relativo alla sua grande azienda agricola.

Anche i fratelli russi Alexei e Dmitry Ananiev, che hanno acquistato la cittadinanza nel 2017, sono accusati in Russia di appropriazione indebita dalla banca che un tempo possedevano.

Un’altra persona che ha ricevuto la cittadinanza cipriota è il cittadino cinese Li Jiadong, che è stato sanzionato dagli Stati Uniti per aver riciclato 100 milioni di dollari in criptovaluta legata agli hacker nordcoreani.

Infine, ci sono Maleksabet Ebrahimi e suo figlio Mehdi, entrambi nella lista dei più ricercati dell’Interpol per riciclaggio di denaro e frode in Iran e che devono affrontare accuse simili in Canada. Entrambi si dichiarono innocenti.

Foto: Al Jazeera

Chi è Andrea Zambelli

Andrea Zambelli è uno pseudonimo collettivo usato da vari membri della redazione di East Journal.

Leggi anche

cipro arte

CIPRO: L’arte oltre la divisione

Nella trasformazione urbana di Nicosia emergono spazi multietnici che creano la possibilità per una riconciliazione dal basso attraverso l'arte e la musica

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com