L’esercito polacco ha invaso la Repubblica Ceca, per sbaglio

Nella giornata di ieri, 11 giugno, l’esercito polacco ha conquistato una chiesetta oltre il confine con la Repubblica Ceca. La colonna dei blindati è rimasta a presidiare l’avamposto fino alle prime ore del giorno successivo.

Poi, com’erano venuti, i polacchi sono risaliti sui loro blindati, ritirandosi entro le proprie frontiere sigillate per la pandemia. Un’invasione? No, un’esercitazione militare, rassicurano.

Sono seguite telefonate che immaginiamo piene di stupore e di sdegno tra le cancellerie di Praga e Varsavia. Ma no, state tranquilli, devono aver detto i polacchi, non è come quella volta nel 1919, e nemmeno come quando nel 1938 abbiamo spostato la frontiera. Semplicemente… ci siamo sbagliati. Non era un’azione intenzionale. Non abbiamo in programma di invadervi. Probabilmente non ha funzionato il gipiesse.

La notizia, insignificante in sé, benché curiosa, forse dice qualcosa dello stato degli eserciti europei. Forse non dice nulla. Ma in un contesto di crescente contrapposizione tra Nato e Russia, in cui qualcuno favoleggia un esercito comune europeo, ecco che magari questa notizia assume un senso. Oppure no.

 

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

polonia aborto

POLONIA: Incostituzionale l’aborto per gravi malformazioni del feto

Con una sentenza controversa, la Corte costituzionale polacca ha dichiarato illegittimo l'aborto in caso di gravi patologie del feto. L'accesso all'aborto sarà di fatto impossibile.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com