SLOVACCHIA: Gay Pride/2 – Jan Slota "sputa sulle checche".

Sebbene avesse dichiarato già diverse settimane fa che si sarebbe personalmente recato al Gay Pride per esprimere il suo disprezzo “sputando addosso alle checche”, il leader nazionalista Jan Slota ha invece cambiato linea. Sostenendo di essere stato preso dall’emozione nella sua precedente decisione Slota ha detto che “non ci andrò per evitare di fargli pubblicità con la mia presenza” tanto “sputo simbolicamente su di loro ogni giorno”.

Slota ha precisato di condannare qualsiasi attività che promuova gli orientamenti omosessuali senza avere necessità di dimostrarlo in pubblico perché “noi non vogliamo aumentare la tensione”.

Il sindaco di Bratislava, Durkovsky, che è comunque un cattolico conservatore, ha sostenuto che non era nei suoi poteri proibire la manifestazione. E ha dichiarato: “Io personalmente non sono incline a nessuna esibizione estremista che potrebbe scandalizzare o insultare la popolazione della capitale. Raccomando a tutti di ignorarle perché non meritano la nostra attenzione”.

Slota ha quindi avuto gioco facile a dichiarare che i cattolici di KDH “hanno dei doppi standard. Altrimenti perché hanno permesso ad una simile manifestazione di malati di avere luogo?”.

Fonte: La Voce della Slovacchia

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

In Slovacchia la rivoluzione non è progressista ma di destra

La vittoria elettorale di OL'ANO segna una svolta politica in Slovacchia. Il suo leader Igor Matovič ha promesso una lotta senza quartiere contro la corruzione dilagante nel paese. I cittadini che cercavano un cambiamento dopo anni di governo socialdemocratico hanno scelto una forza conservatrice per tentare di realizzarlo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: