LETTONIA: Il sindaco di Riga accusato di corruzione

Il sindaco di Riga Nils Usakovs è stato sospeso dal suo incarico. L’ordine arriva da Juris Puce, Ministro per la protezione ambientale e lo sviluppo regionale, e sarebbe motivato da una serie di illeciti che Usakovs avrebbe commesso alla guida della capitale lettone.

Due mesi di indagini

La sospensione non è del tutto inaspettata. Il 30 gennaio scorso, sia l’ufficio di Usakovs che la sua abitazione erano stati perquisiti nell’ambito di un’indagine anticorruzione che riguardava il consiglio comunale e la compagnia dei trasporti pubblici Rigas Satikisme.

Lo scandalo aveva spinto il vicesindaco Andris Ameriks alle dimissioni, mentre Usakovs ha continuato a negare di essere coinvolto e ha rifiutato di farsi da parte, nonostante il 2 marzo i cittadini di Riga fossero già scesi in piazza per chiedergli di rinunciare alla carica. Il 21 marzo, il Ministero ha annunciato di aver identificato una serie di possibili infrazioni sia nel consiglio comunale che nella compagnia dei trasporti pubblici, dando a Usakovs la possibilità di fornire spiegazioni in proposito entro il 28 marzo. Tuttavia, sembra che le spiegazioni non siano state soddisfacenti, e il 5 aprile Usakovs è stato sospeso.

L’operazione ha già un precedente: nel 2012, il ministro Edmunds Sprudzs aveva rimosso il sindaco di Ventspils Aivars Lemberg. La sospensione, tuttavia, non era stata applicata, di fatto consentendo a Lemberg di mantenere l’incarico.

Dissapori tra sindaco e ministro

Usakovs – esponente del partito socialdemocratico Armonia – ha dichiarato che farà ricorso e si è difeso sostenendo che la sospensione sia motivata politicamente. Primo tra i motivi sarebbe il risentimento per la sua schiacciante vittoria sul ministro Puce alle ultime elezioni comunali, nel 2017. Quest’ultimo, in risposta, ha affermato di non essere sorpreso dalle accuse di Usakovs, e ha sottolineato come la decisione sia stata presa per garantire il buon governo della capitale, dove le violazioni potrebbero essere avvenute in maniera sistematica.

A febbraio, Usakovs – sindaco di Riga dal 2009 – aveva annunciato la sua candidatura alle elezioni europee, suscitando in molti il sospetto che la decisione fosse una mossa per evitare le conseguenze delle indagini. In attesa di ulteriori sviluppi il vicesindaco Olegs Burovs sta svolgendo il ruolo di sindaco ad interim; nel caso in cui tutto il consiglio comunale venga sospeso, si terranno nuove elezioni il 25 maggio.

Foto: bnn-news.com

Chi è Eleonora Febbe

Laureata in Russian Studies all'University College London e in Interdiscilplinary Research and Studies on Eastern Europe all'Università di Bologna. Si interessa principalmente di democratizzazione e nazionalismo nel Caucaso e in Asia Centrale. Attualmente vive a Tbilisi.

Leggi anche

La Lettonia renderà pubblici gli archivi del KGB

Entro la fine del 2018, la Lettonia renderà pubblicamente accessibili online gli archivi del KGB, i servizi segreti sovietici. Una decisione storica che mette fine a oltre vent'anni di controversie, ma che forse rischia anche di generarne delle nuove.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: