Sztuka kochania, amarsi un po’ di più

di Lorenzo Berardi

Sztuka kochania significa ‘L’arte dell’amore’. Due parole che per tre generazioni di polacchi rimandano a un celebre libro scrittoPoloniCult da Michalina Wisłocka. Un’opera pubblicata nel ’76 da Iskry, dopo che migliaia di copie erano già in circolazione dal Baltico ai Tatra grazie a numerose edizioni samidzat. Il successo ottenuto dal libro presso la stampa clandestina non deve sorprendere. Sztuka kochania è un manuale di educazione amorosa ed erotica anticonformista e coraggioso per gli standard della sessualmente repressa Polonia socialista dell’epoca. Non a caso, la prima edizione ufficiale del testo tentava di annacquarne l’esplosività dei contenuti con un’innocente copertina dall’incongruo disegno di due sposini ritratti di spalle. Un impacciato stratagemma per tentare di arginare il successo di un’opera capace di vendere milioni di copie nelle sue successive edizioni e ristampe in Polonia (l’ultima nel 2016) e consultata ancora oggi, persino in audiolibro.

A quarantun anni di distanza dalla prima edizione di Sztuka kochania finalmente il cinema polacco si è deciso a realizzare un biopic dedicato alla genesi del libro e alla storia della sua autrice, la ginecologa e sessuologa Michalina Wisłocka. Valeva la pena aspettare così a lungo perché il film diretto da Maria Sadowska e scritto da Krzystof Rak (già autore della sceneggiatura del fortunato ‘Bogowie’) funziona e convince su molti livelli.

L’opera, presentata al Festival CiakPolska 2017 di Roma, tratta un tema tornato scomodo in una Polonia odierna in cui il sesso è visto da alcuni come una sorta di dovere famigliare e patriottico per incentivare la natalità. E in tempi in cui una recente campagna governativa incoraggia i cittadini polacchi a comportarsi e moltiplicarsi come conigli, non sorprende che questo film abbia fatto discutere in patria. La pellicola mostra il sangue di aborti clandestini e parla di preservativi, masturbazione, sadomasochismo, pianificazione delle nascite nonché della necessità per le donne di avere diritto all’orgasmo. Temi che oggi indignano o scandalizzano una buona parte dei polacchi e soprattutto chi li governa. Perdipiù non ci sono pruderie o allusioni nel film, ma tutto è mostrato senza sotterfugi, chiamato con il proprio nome. Ed è la protagonista a condurre le danze, non solo metaforicamente. Del resto, come risponde la Michalina Wisłocka del film a chi le chiede se il suo libro sia ispirato da esperienze personali: “Scriverebbe di colori un non vedente?”.

[…]

Continua a leggere su PoloniCult

Chi è PoloniCult

PoloniCult, da più di tre anni ormai, è una presenza tenace e attenta nel raccontare gli stimoli culturali che offre la Polonia di oggi, come quella di ieri. Diamo voce ai libri polacchi tradotti in italiano e suggeriamo quelli che dovrebbero; presentiamo i film polacchi distribuiti in Italia e quelli che potrebbero; raccontiamo artisti la cui musica merita di uscire dai club e dalle piazze delle sole città polacche. Non da ultimo, raccontiamo storie di Polonia vera, di quella che vive la modernità con le sue contraddizioni, che si riconosce in riti e personaggi di ogni sorta. Parliamo con scrittori, registi, poeti, musicisti; ci guardiamo attorno in quella terra varia che è l’Europa centro-orientale. Lo facciamo con passione e professionalità perché è in questi valori che ci riconosciamo e con i quali ci riconosce chi ha lavorato con noi.

Leggi anche

POLONIA: I nazionalisti assaltano il Pride a Bialystok

Sabato scorso alcune decine di militanti di estrema destra hanno aggredito con mazze e spranghe i partecipanti al Pride nella città di Bialystok, nella Polonia orientale. Si tratta solo dell'ennesima aggressione ai danni del movimento Lgbt nel paese governato dal partito ultranazionalista Diritto e Giustizia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: