LETTONIA: Oltre mezzo miliardo l’anno di rimesse dalla diaspora

Oltre 500 milioni di euro all’anno. E’ quanto riceve la Lettonia dall’emigrazione lettone nel mondo, che in molti casi dall’estero inviano alle famiglie rimaste in patria una parte dei loro guadagni. Alcuni milioni di euro fanno invece il tragitto opposto, dalla Lettonia verso la diaspora lettone, ma nel complesso il bilancio in entrata per il paese baltico è decisamente superiore.

Questi i dati presentati dall’ambasciatore speciale del ministero degli esteri per la diaspora, Pēteris Elferts, che dopo due anni lascia il suo incarico. Il bilancio di questi due anni di attività, per Elferts è positivo: la collaborazione con le comunità lettoni all’estero si è sviluppata in molti settori. In particolare si è lavorato sulle questioni legate ai giovani, alla formazione di organizzazioni giovanili, importanti per legare maggiormente alla Lettonia i ragazzi nati o cresciuti nella diaspora. Se i ragazzi all’estero sviluppano amicizie con coetanei che sono rimasti in Lettonia, restano anch’essi lettoni: altrimenti è più facile la completa assimilazione nel paese in cui risiedono.

Un’attenzione particolare continua ad essere rivolta allo sviluppo delle scuole lettoni all’estero. Spesso si tratta di scuole che vengono organizzate di sabato, e propongono a bambini e ragazzi molteplici attività, che insegnino loro non solo la lingua, ma anche le tradizioni, la cultura, la storia del loro paese d’origine. Quest’anno sono state aperte due nuove scuole, in Grecia e in Turchia. L’anno scorso era stata aperta la prima scuola lettone in Italia, a Milano (qui una intervista di Baltica alla presidente dell’Associazione dei lettoni in Italia e Svizzera, Vita Začesta).

Altro tema importante nelle politiche relative all’emigrazione è quello delle possibili misure per incentivare il rientro di una parte delle famiglie e dei lavoratori emigrati in questi anni. Per Elferts una delle misure necessarie è quella del sostegno alle famiglie con bambini, che frequentano la scuola. Importante anche incentivare il “turismo della diaspora”: le famiglie che rientrano in Lettonia anche solo per le vacanze, mantengono legami più stretti con il paese e con amici e parenti, fattori che possono favorire un loro rientro futuro.

Si reputa che il 40% dei lettoni che vivono all’estero abbia provato almeno una volta a tornare in Lettonia, ma molti sarebbero rimasti delusi dalle condizioni di lavoro e opportunità di patria, e per questo hanno deciso di emigrare di nuovo. Questo è quanto risulta dai dati a disposizione del Centro di ricerche su emigrazione e diaspora della Latvijas Universitāte. Fra i motivi che hanno sconsigliato il ritorno ad una vita in patria soprattutto i bassi redditi e le scarse opportunità per lavoratori con basse qualifiche.

Anche restando all’estero per lavoro, comunque come dicevamo, i lettoni emigrati forniscono alla Lettonia un contributo importante in termini di risorse finanziarie per le famiglie rimaste in Lettonia. Lo scorso anno i trasferimenti di denaro dall’emigrazione lettone all’estero verso la Lettonia hanno raggiunto i 691 milioni di euro, ma anche negli anni passati la cifra non è stata inferiore al mezzo miliardo di euro. Ma il contributo dei lettoni all’estero potrebbe non limitarsi al sostegno economico verso la Lettonia. Un ruolo importante la diaspora lettone potrebbe svolgerlo anche per aiutare gli imprenditori e le aziende lettoni a inserirsi nei mercati internazionali, specie nei paesi dove più forte è la comunità lettone.

Proprio la collaborazione fra la diaspora e le imprese lettoni, è uno degli obiettivi del prossimo “ambasciatore” della diaspora, Atis Sjanītis. “I cittadini lettoni all’estero vivono in oltre 130 stati. Si tratta di un potenziale enorme. Possono aiutare le imprese lettoni ad entrare in quei mercati. Potremo utilizzare la nostra diaspora per esportare i nostri prodotti e per costruire rapporti e contatti con quei mercati”.

Chi è Paolo Pantaleo

Giornalista e traduttore, Firenze-Riga. Jau rīt es aiziešu vārdos kā mežā iet mežabrāļi

Leggi anche

Sono arrivate le bollette, sostieni East Journal!

Come ogni anno East Journal deve affrontare le spese di gestione del sito. Se ritenete che la redazione di East Journal faccia un buon lavoro, continuate a leggere questo articolo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: