BALCANI: “La miniera è nostra!” Storia della Repubblica di Albona

Nell’Istria sud-orientale, a metà strada tra Pola e Fiume, sorge la piccola cittadina di Albona, Labin in croato. L’antico borgo è circondato da impianti minerari, che ne hanno segnato la vita negli ultimi tre secoli. Proprio quelle miniere, 95 anni fa, sono state il teatro di un’affascinante pagina di storia: i 35 giorni della Repubblica di Albona. I protagonisti di questa vicenda sono circa duemila minatori, di diversa origine nazionale: ci sono croati, sloveni, italiani, tedeschi, cechi, slovacchi, polacchi e ungheresi. Il loro motto è “Kova je naša”, la miniera è nostra, il loro simbolo la falce e martello.

Lo sfruttamento dei vasti giacimenti di carbone dell’Albonese risale al‘700, quando l’Istria apparteneva all’Impero austroungarico. Sebbene già dalla fine dell’800 i minatori avessero organizzato scioperi, il vero cambio di passo nell’organizzazione sindacale dei minatori di Albona avviene al termine della Prima Guerra Mondiale, quando l’Istria entra a far parte del Regno d’Italia, grazie all’impegno del Partito Socialista Italiano e all’arrivo di nuovi minatori italiani politicizzati.

E’ il biennio Rosso e gli echi delle occupazioni delle fabbriche arrivano anche in Istria, soprattutto dopo che il Partito e il Sindacato hanno inviato ad Albona il triestino Giovanni Pipan. Pipan diviene il leader sindacale dei minatori, portavoce del malcontento crescente verso l’amministrazione della miniera, in mano alla Società Anonima Carbonifera Arsia, e ispiratore di numerosi scioperi tra la fine del 1920 e l’inizio del ’21 contro delle condizioni di lavoro sempre più intollerabili.

Sono, però, anche gli anni della crescita dello squadrismo fascista e l’Istria non fa eccezione: anche qui gli squadristi si macchiano di violenze ai danni di contadini, operai e degli stessi minatori. È in questo contesto, di violenza politica a livello nazionale e di fermento sindacale a livello locale, che si ritrovano le basi per la nascita della Repubblica di Albona.

Il 1° marzo 1921 Giovanni Pipan viene intercettato da un gruppo di fascisti alla stazione ferroviaria di Pisino, nel cuore dell’Istria, e viene pestato a sangue. La notizia arriva il giorno dopo ad Albona: è l’ultima goccia di una situazione insostenibile e il 3 marzo i minatori si riuniscono in assemblea e decidono di occupare gli impianti. Grazie anche all’arrivo dei contadini dalle campagne circostanti, si organizzano delle “guardie rosse”, una forza di sicurezza che ha il compito di mantenere l’ordine.

Il 7 marzo viene ufficialmente promulgata la nascita della Repubblica di Albona: l’organo decisionale è il Comitato centrale, mentre l’assemblea il luogo di discussione. È in questi organi che si decide di continuare la produzione e il carbone riprende ad essere estratto. Si tratta di un sistema basato sull’autogestione e fondato sui principi di lotta di classe e di rifiuto della violenza fascista; soprattutto, quello dei minatori è un movimento multinazionale, dove non esiste distinzione etnica.

La Repubblica di Albona, però, ha i giorni contati. Passato un mese dalla proclamazione e fallito ogni tentativo di trattativa, la Società Arsia chiede l’intervento dell’esercito. Il 7 aprile mille soldati circondano la miniera e, al rifiuto della resa, entrano in azione. Negli scontri a fuoco due minatori rimangono uccisi, a decine vengono arrestati, accusati di ribellione e di aver istituito un sistema sovietico. Grazie alla solidarietà reciproca fra i minatori, che non si accusano a vicenda, ma anche alla volontà delle autorità di non inimicarsi la popolazione locale, in un clima già di agitazione, il processo si conclude con l’assoluzione.

Pochi mesi dopo in Italia salirà al potere il fascismo, ci saranno altri scioperi e una violenta repressione. Negli anni della resistenza, però, Albona confermerà la sua natura antifascista, in linea con l’esperienza, breve ma significativa, della Repubblica dei minatori.

Chi è Riccardo Celeghini

Laureato in Relazioni Internazionali presso la facoltà di Scienze Politiche dell'Università Roma Tre, con una tesi sui conflitti etnici e i processi di democratizzazione nei Balcani occidentali. Ha avuto esperienze lavorative in Albania, in Croazia e in Kosovo, dove attualmente vive e lavora. E' nato nel 1989 a Roma. Parla inglese, serbo-croato e albanese.

Leggi anche

BOSNIA: Gorazde, l’enclave che non cadde

Durante la guerra in Bosnia, la città di Gorazde fu dichiarata dall'ONU "zona sicura". Ma a differenza di Srebrenica, questa enclave non cadde in mano all'esercito serbo-bosniaco.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: