ELEZIONI SLOVACCHIA /6: Nessun vincitore, tante sorprese

Per la Slovacchia questa non è stata una tornata elettorale “normale”. Lo si era capito fin dall’arrivo dei primi dati ufficiali quando, nella sede di SAS (partito che nei sondaggi era dato a rischio di non entrare in parlamento) a causa dei festeggiamenti per essere diventato secondo partito, il leader Sulik si è ferito ad una mano ed è stato portato in ospedale. Ma le sorprese non erano mancate neanche prima del voto, quando la compagnia Uber aveva annunciato di offrire ai residenti a Bratislava un passaggio gratuito fino ai seggi. O ancora quando l’Istituto di Statistica è andato in tilt durante le operazioni di conteggio ritardando la pubblicazione dei dati e creando non poco caos negli organi di informazione. Ma in queste elezioni non sono mancate sorprese meno divertenti, come il successo dei partiti ultra-nazionalisti e l’entrata in parlamento di L’SNS partito neonazista con una discreta pattuglia di parlamentari.

Il crollo dei partiti tradizionali

Il primo dato politico che emerge è il collasso dei partiti tradizionali. SDKU dell’ex leader Radičová non arriva all’1%, mentre KDH per la prima volta è fuori dal parlamento. Insieme perdono 270.000 voti. A sinistra le cose non sono andate molto meglio allo Smer-DS che perde 400.000 voti e 34 parlamentari.
Come ben si evince dal grafico qui sotto i partiti nati negli anni ’90 (in blu, viola e verde) ormai rappresentano solo un quinto dell’elettorato slovacco, sovrastati dai partiti nati nel 2000 (in giallo), ma soprattutto da quelli nati dopo il 2010 (in rosso), entrati preponderantemente proprio il 5 marzo nella scena politica nazionale rappresentando quasi il 50% dei voti. Un cambiamento non indifferente per la piccola, e giovane, Repubblica slovacca.

Cc3kOnZXEAACTxS

L’ascesa della destra estrema

Uno dei topic di questi mesi è stata l’immigrazione. Argomento utilizzato in particolare da Fico per cercare di mobilitare l’elettorato, ma che in realtà ha finito per aprire il vaso di Pandora e favorire formazioni estremiste, dalle idee più chiare e semplici su come risolvere la questione rispetto i socialisti slovacchi. E’ in questo scenario che nasce il successo di SNS e L’SNS. Il risultato di SNS non è stata una grande sorpresa, non quanto almeno conoscere che non sarà il Partito Nazionale Slovacco a sedersi sugli scranni più a destra del parlamento, ma ci sarà un’altra formazione politica, ben più radicale, L’SNS di Kotleba vera rivelazione delle elezioni. Superando l’8% ha acquisito la ribalta nazionale dopo aver conquistato la regione di Banská Bystrica nel 2013. Un partito anti-sistema e soprattutto anti-rom che non nasconde simpatie per Tiso, presidente della Slovacchia durante la Seconda Guerra Mondiale e collaborazionista del Terzo Reich. L’SNS trova la sua forza elettorale nella Slovacchia rurale del nord e a Banská Bystrica, dove un elettorato che vive costantemente difficoltà economiche e sociali è stato disilluso dalle promesse di un facile arricchimento degli anni dello sviluppo economico. Queste persone indicano come primi responsabili della crisi sociale i rom ed i vecchi partiti accusati di corruzione. L’SNS, come lo Jobbik ungherese, probabilmente non sarà una meteora, anche perché il suo corpo elettorale è composto in prevalenza dai giovani (tra i 18 e i 21 anni ha il 23%).

Creare un partito in 6 mesi

Altra sorpresa uscita dalle urne è il partito SME RODINA (La mia famiglia). Leader è Kollár, ricco imprenditore che possiede una delle radio più famose del paese. Kollár ha creato in pochi mesi un partito anti-sistema che è riuscito ad entrare in parlamento con il 6%. Un partito che si colloca nello schieramente di centro-destra ma che ha già fatto sapere di non essere disponibile ad entrare in alcuna coalizione di governo, al massimo è possibile un appoggio esterno. Ma base imprescindibile dell’accordo deve essere la chiara e comune politica anti-immigrati.

La grande delusione

Diversamente dalla gioia di Kollar a Sulik, le elezioni del 5 marzo segnano la delusione di Prochazka e di SIET (Rete). A fronte del 20% acquisito nelle elezioni presidenziali del 2014, e del buon risultato previsto nei sondaggi, SIET ha di poco superato il 5%.

L’attendismo delle comunità minoritarie

L’unico dato di costanza fra queste elezioni e quelle del 2012 sono i risultati dei partiti che si riferiscono alla comunità ungherese. SMK-MKP conferma il risultato, e nonostante l’inserimento di numerosi giovani nelle proprie liste per la terza volta non riesce ad entrare in parlamento. Most-Hid invece delude le attese, perde molti voti nelle province meridionali (abitate da ungheresi) mentre allarga il proprio elettorato nella capitale e nel nord. Risultati però non incoraggianti e segnati in particolare dalla mancata partecipazione delle minoranze al processo elettorale. Le province del sud della Slovacchia hanno infatti registrato tassi di voto inferiori mediamente del 10-15% rispetto alle regioni del nord. Per i due partiti l’obiettivo principale nel breve periodo sarà quello di mobilitare e riattivare il proprio elettorato.

Che fare ora?

Cc3hjK6WoAApOe-

Il dato che emerge dal voto è allarmante per la giovane Repubblica. Il parlamento è frammentato, partiti anti-sistema sono in forte crescita e le possibilità di creare un governo stabile sono appese ad un filo. Nel grafico qui sopra sono evidenziate alcune possibili soluzioni.
Le consultazioni del presidente Kiska sono iniziate e potrebbero durare settimane, ma purtroppo al paese non manca solo un governo ma anche il tempo per formarlo. A luglio Bratislava prenderà il semestre di Presidenza della UE, una data per la quale è necessario aver risolto i problemi politici interni, se non per un lungo periodo almeno per sei mesi, anche perché il principale risultato elettorale del 5 marzo indica che molto probabilmente si tornerà alle urne prima di quattro anni.

I grafici sono stati creati da twitter.com/kdecay

Chi è Aron Coceancig

nato a Cormons-Krmin (GO) nel 1981. Nel 2014 ho conseguito all'Università di Modena e Reggio Emilia il Ph.D. in Storia dell'Europa orientale. In particolare mi interesso di minoranze e storia dell'Europa centrale. Collaboro con il Centro Studi Adria-Danubia e l'Istituto per gli incontri Culturali Mitteleuropei.

Leggi anche

In Slovacchia la rivoluzione non è progressista ma di destra

La vittoria elettorale di OL'ANO segna una svolta politica in Slovacchia. Il suo leader Igor Matovič ha promesso una lotta senza quartiere contro la corruzione dilagante nel paese. I cittadini che cercavano un cambiamento dopo anni di governo socialdemocratico hanno scelto una forza conservatrice per tentare di realizzarlo.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: