MACEDONIA: Nel mese di febbraio sono entrati 34.404 rifugiati

Secondo quanto riportato dal Ministero dell’Interno macedone, nel solo mese di febbraio sono stati concessi 34.404 visti con lo status di rifugiato. I trend, seppur considerati in calo rispetto agli ultimi mesi del 2015, sono pronti a crescere nei prossimi mesi, anche alla luce del futuro miglioramento delle condizioni meteo nel Mar Egeo. Di questi certificati, 12.678 sono stati rilasciati a uomini, 7.653 a donne e 14.073 a bambini. Nei riguardi della provenienza, sono 16.763 i siriani richiedenti asilo, 8.363 gli iracheni e 9.278 gli afghani, ai quali tuttavia è ora precluso l’accesso.

Durante tutto il mese, il picco massimo di ingressi registrati dalle autorità macedoni è stato raggiunto il 5 febbraio, con 3.256 visti rilasciati. Tra questi, 1.516 erano siriani, 904 iracheni e 836 afghani. Come quasi in tutto i giorni di febbraio, i bambini erano nettamente superiori sia agli uomini che alle donne: il 5 febbraio sono stati rilasciati documenti per ben 1.364 bambini, 1.126 uomini e 766 donne. Il giorno invece in cui è stato registrato il minor numero di richiedenti asilo temporaneo è stato il 26 febbraio. Le autorità macedoni hanno rilasciato un totale di 22 certificati. Di questi rifugiati, 10 erano uomini, 5 erano donne e 7 erano i bambini. Di questi, i siriani erano 15 e gli iracheni 7. Nessun afghano è stato ammesso dalla polizia di frontiera macedone. Numerosi certificati vengono anche rilasciati a bambini non accompagnati: dall’inizio del 2016 hanno varcato la frontiera greco-macedone ben 215 minori.

Il mese di febbraio è stato certamente importante per le decisioni prese dai singoli paesi balcanici e per le ripercussioni che ci saranno in futuro. A seguito della decisione di imporre un tetto massimo di ingresso da parte delle autorità austriache, il governo macedone ha deciso di sigillare ancora di più i propri confini meridionali. Nel mese di novembre Skopje aveva infatti deciso di impedire l’accesso a tutti i rifugiati esclusi quelli provenienti dalla Siria, dall’Iraq e dall’Afghanistan. Nonostante questa prima chiusura, la Macedonia ha in seguito impedito ai rifugiati afghani di essere ammessi nel territorio, a seguito di una medesima decisione presa dalle autorità di Belgrado. Decisione che a sua volta dipende da quanto stabilito da Austria e Slovenia, che hanno deciso per il blocco dei rifugiati afgani.

Al confine meridionale della Macedonia vi sono ora migliaia di persone in attesa che i confini vengano aperti anche per loro. Negli ultimi giorni si sono anche registrati scontri tra i richiedenti asilo e la polizia macedone: quest’ultima, dopo che i migranti avevano provato a sfondare la recinzione – riuscendoci – hanno lanciato numerosi gas lacrimogeni e hanno fatto sorvolare il campo profughi improvvisato con un elicottero da guerra. Le scene di tensione si sono susseguite per tutta la giornata: una donna ha tentato di darsi fuoco in segno di protesta.

La situazione al confine tra Grecia e Macedonia si fa ogni giorno più grave. Il campo profughi di Idomeni, il piccolo villaggio greco sul confine, può ospitare al massimo 1.200 persone ma negli scorsi giorni è stato registrato l’impressionante numero di più di 11.000 persone, che aumenta a 20.000 se si considera l’intera regione di Idomeni. Di fronte a questa catastrofe umanitaria non si può rimanere indifferenti. L’Unione Europea non può rimanere indifferente.

Foto: AP Photo/Giannis Papanikos

Chi è Edoardo Corradi

Nato a Genova, è dottorando di ricerca in Scienza Politica all'Università degli Studi di Genova. Si interessa di Balcani occidentali, di cui ha scritto per numerosi giornali e riviste accademiche.

Leggi anche

Macedonia

Elogio alla Macedonia del Nord

La vittoria alle qualificazioni mondiali della Macedonia del Nord contro la Germania ha il sapore di "rivincita europea" per il paese dei Balcani che più sta investendo per entrare nell'UE.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Privacy Preference Center