HOCKEY: MOL Liga, il campionato di hockey su ghiaccio dell’Europa centrale

L’Ungheria si è da poco qualificata per gli Europei di calcio, portando il calcio ungherese a livelli che non si vedevano da decenni. Però se qualcuno volesse andare a vedere a Budapest o in qualche altra città una partita di campionato si troverebbe di fronte ad una triste realtà: stadi spesso in pessime condizioni, biglietti cari, poco pubblico e soprattutto un livello calcistico molto basso. Allora perché non saziare la fame di partite sportive con la MOL Liga, il campionato dell’Europa centrale di hockey su ghiaccio.

Sì, lo sappiamo, l’hockey su ghiaccio rimanda a paesi scandinavi, nordamericani o alla Russia, però negli ultimi anni l’hockey ha avuto uno sviluppo importante nell’Europa centrale e soprattutto in Ungheria, dove il governo ha investito molto anche negli sport “minori”. Non è un caso l’accesso della nazionale magiara di hockey nell’élite mondiale, e il secondo posto conquistato come squadra sportiva ungherese del 2015, subito dopo alla nazionale di calcio. Ma cosa è di preciso la MOL Liga? È un campionato di hockey nato nel 2008 grazie all’accordo tra squadre ungheresi e romene. Ad anni alterni vi hanno poi partecipato anche squadre slovacche.

Nel campionato 2015-2016 si contendono il titolo 9 squadre, 7 ungheresi e 2 romene. Il tabellone vede inizialmente una fase a girone unico, che terminerà il 6 febbraio, per poi continuare con i play-off fra le migliori sette. Oggi la classifica vede al primo posto il DVTK di Miskolc (campioni in carica) a 104 punti, seguiti a breve distanza dal MAC di Budapest, squadra nata negli anni sessanta, ma che oggi vive uno dei suoi momenti migliori, grazie alla fondazione dell’accademia per giovani talenti e al nuovo stadio a Buda, il Tüskecsarnak (letteralmente “Palazzetto delle spine”), terminato nel 2014 grazie a contributi statali per 8,9 miliardi di fiorini (circa 29 mila euro). I nerazzurri di Buda sfideranno nel big match del 30 gennaio i biancorossi di Miskloc, una squadra che può contare i tifosi più numerosi e rumorosi del campionato. Le ultime partite fra i due team sono state emozionanti. Il 6 gennaio DVTK aveva espugnato Buda per 7 a 5, grazie al 4-0 inflitto nell’ultimo terzo, vittoria ripetuta il 19 con un 4 a 3 di misura. Ora la sfida al vertice si giocherà nella bolgia di Miskloc.

Nel fondo della classifica a lottare per un posto nei play-off sono invece i Bufali d’acciaio di Dunaújváros (la Stalingrado d’Ungheria negli anni ’50) e la HSC Csíkszereda, due squadre dal ricco palmares. I rossi di Dunaújváros hanno vinto la Liga nel 2012 e nel 2013, mentre i secleri di Csík hanno vinto nel 2011. Proprio i biancoazzurri dello HSC si stanno rendendo protagonisti di una spettacolare rimonta, dopo aver perso infatti le prime 11 partite di campionato, il cambio di allenatore, ha portato a una veloce inversione di rotta, ed ora sotto la guida del mister russo Oktyabrjov hanno vinto 6 delle ultime 8 partite. La squadra di Csíkszereda mantiene però un ruolo particolare per l’hockey ungherese, essendo considerata alla stregua di una “nazionale di hockey seclera”, e per questo è passata alla ribalta nel 2013 grazie a un articolo del New York Times. Tra l’altro proprio l’hockey è uno sport molto popolare fra i secleri, e la nazionale di hockey romena è composta quasi esclusivamente da giocatori secleri, suscitando non raramente polemiche nei mass media romeni (qui un articolo sulla storia del HSC Csíkszereda).

Le ultime partite del girone unico della MOL Liga si prevedono quindi molto interessanti e ricche di sorprese, un appuntamento da non perdere non solo per i seguaci dell’hockey, ma per tutti gli appassionati di sport.

Chi è Aron Coceancig

nato a Cormons-Krmin (GO) nel 1981. Nel 2014 ho conseguito all'Università di Modena e Reggio Emilia il Ph.D. in Storia dell'Europa orientale. In particolare mi interesso di minoranze e storia dell'Europa centrale. Collaboro con il Centro Studi Adria-Danubia e l'Istituto per gli incontri Culturali Mitteleuropei.

Leggi anche

Chernomorets Stadium

CALCIO: Cosa ti hanno fatto, vecchio Chernomorets?

Il Chernomorets Odessa, storica squadra fondata nel 1936, con un glorioso passato anche nel campionato sovietico, rischia di scomparire dal panorama calcistico ucraino.

2 commenti

  1. Una precisazione sull’ottimo articolo, il HSC Csíkszereda ha invertito la rotta dopo le sconfitte iniziali non solo grazie al cambio di allenatore, ma anche per la decisione di aumentare considerevolmente il budget della squadra visti gli scarsi risultati, dopo che in estate era invece stato deciso un ridimensionamento economico, esattamente la stessa decisione presa dall’altro team rumeno, il Corona Wolves Brasov, che infatti è desolatamente ultimo in classifica dopo aver centrato una semifinale ed una finale nelle ultime due stagioni. Se volete seguire la MOL Liga vi consiglio il sito eurohockey.com

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: