RESISTENZE: Frank Mernik, contadino jugoslavo

Nato il 31 gennaio 1908 a Pohorje, in Slovenia, Franc Mernik lavora come contadino. Nel marzo del 1944, dopo aver dato assistenza a dei partigiani, viene arrestato su delazione e incarcerato dai nazisti nelle prigioni di Maribor. Ripetutamente torturato, viene condannato a morte e fucilato a Maribor il 16 giugno 1944, all’età di 36 anni.

Cara moglie,

tu non sai come ci torturano. Ci spengono sul petto nudo le sigarette accese, e, di giorno in giorno, quando ci sono gli interrogatori, ci tirano la pelle con tenaglie arroventate, ci mettono le dita sui ferri arroventati o ci estraggono le unghie dalle dita. Sono sofferenze terribili…

Rimani coraggiosa e in buona salute, educa bene nostro figlio e nostra figlia, se ormai il destino ha deciso che non ci incontreremo più nella vita.

Saluto affettuosamente te, i due ragazzi e tutti i famigliari,

il tuo addolorato marito

Franček Mernik

Chi è Edoardo Corradi

Nato a Genova, è dottorando di ricerca in Scienza Politica all'Università degli Studi di Genova. Si interessa di Balcani occidentali, di cui ha scritto per numerosi giornali e riviste accademiche.

Leggi anche

Psichiatria e confine orientale: intervista alla storica Marta Verginella

Nel novembre del 1961 Franco Basaglia giunge all’ospedale psichiatrico di Gorizia. Uno dei muri di cinta coincide con il confine: al di là c’è la Jugoslavia e tra le centinaia di persone ricoverate tante sono di origine slovena. Un'intervista a Marta Verginella, docente di storia all’università di Lubiana.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com