RESISTENZE: Ignoto sudeto

Cari genitori,

devo comunicarvi una triste notizia, che oggi sono stato condannato a morte, io e Gustav G. Non siamo voluti entrare nelle SS, perciò ci hanno condannato a morte. Mi avevate scritto che non dovevo entrare nelle SS, anche il mio compagno Gustav G. non è entrato. Noi due preferiamo morire piuttosto che insudiciare la nostra coscienza con quelle atrocità. Io so quali cose debbono fare le SS. Ah, cari genitori, per quanto sia duro per me e duro per voi, perdonatemi di tutto, se vi ho fatto offesa, vi prego, perdonatemi e pregate per me. Se io cadessi in guerra ed avessi la coscienza sporca, anche questo sarebbe triste per voi. Molti genitori ancora perderanno i loro ragazzi. Cadono anche molte SS. Io vi ringrazio per tutto il bene che mi avete fatto sino dalla mia infanzia, perdonatemi, pregate per me…

Chi è Edoardo Corradi

Nato a Genova, è dottorando di ricerca in Scienza Politica all'Università degli Studi di Genova. Si interessa di Balcani occidentali, di cui ha scritto per numerosi giornali e riviste accademiche.

Leggi anche

comunisti italiani

STORIA: Le spie italiane nell’Odessa sovietica

Tra il 1921 e il 1925 molti emigrati politici italiani fuggirono in Unione Sovietica e si unirono alla causa comunista. Alcuni si stabilirono a Odessa e, da emigrati politici, divennero vere e proprie spie...

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com