RESISTENZE: Ignoto sudeto

Cari genitori,

devo comunicarvi una triste notizia, che oggi sono stato condannato a morte, io e Gustav G. Non siamo voluti entrare nelle SS, perciò ci hanno condannato a morte. Mi avevate scritto che non dovevo entrare nelle SS, anche il mio compagno Gustav G. non è entrato. Noi due preferiamo morire piuttosto che insudiciare la nostra coscienza con quelle atrocità. Io so quali cose debbono fare le SS. Ah, cari genitori, per quanto sia duro per me e duro per voi, perdonatemi di tutto, se vi ho fatto offesa, vi prego, perdonatemi e pregate per me. Se io cadessi in guerra ed avessi la coscienza sporca, anche questo sarebbe triste per voi. Molti genitori ancora perderanno i loro ragazzi. Cadono anche molte SS. Io vi ringrazio per tutto il bene che mi avete fatto sino dalla mia infanzia, perdonatemi, pregate per me…

Chi è Edoardo Corradi

Nato a Genova, è dottorando di ricerca in Scienza Politica all'Università degli Studi di Genova. Si interessa di Balcani occidentali, di cui ha scritto per numerosi giornali e riviste accademiche.

Leggi anche

belgrado guerre

STORIA: Quando a Belgrado si scendeva in piazza contro la guerra

Nei primi anni Novanta Belgrado fu teatro di una resistenza civica contro le guerre del regime di Slobodan Milošević. Storia di una generazione che non si rassegnava alla fine nel sangue della Jugoslavia

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: