MONTENEGRO: Djukanovic nominato “uomo dell’anno nel crimine organizzato”

L’organizzazione internazionale non governativa OCCRP (Organized Crime and Corruption Reporting Project) ha deciso di nominare come “uomo dell’anno per il crimine organizzato” il primo ministro montenegrino Milo Djukanovic. Qui vi proponiamo una traduzione delle loro motivazioni. 

Il Montenegro andrà ad elezioni nel corso del 2016, e Djukanovic conta di essere rieletto per l’ennesima volta. 

2015 UOMO DELL’ANNO IN CRIMINALITÀ ORGANIZZATA: Milo Djukanovic
OCCRP annuncia il premio 2015 “persona dell’anno” in criminalità organizzata e corruzione, per riconoscere coloro che meglio promuovono la “società incivile“.

Il suo primo vero lavoro è stato quello di primo ministro del Montenegro. E’ quindi stato presidente o primo ministro per la maggior parte dei quasi tre decenni della sua carriera e della vita del suo paese. Mentre si presenta come un leader progressista e filo-occidentale che ha recentemente aiutato il suo paese ad aderire alla NATO ed è sulla buona strada per aderire all’Unione europea, egli ha costruito una delle più dedicate cleptocrazie e paradisi della criminalità organizzata nel mondo.

Per il suo lavoro nel creare un’atmosfera politica oppressiva e un’economia soffocata dalla corruzione e dal riciclaggio di denaro, OCCRP onora Milo Djukanovic, primo ministro del Montenegro, come persona dell’anno OCCRP per il suo lavoro nella promozione della criminalità, la corruzione e la società incivile.

“Vediamo davvero questo come un premio alla carriera“, ha dichiarato il direttore di OCCRP Drew Sullivan. “Nessuno al di fuori di Putin ha costruito uno stato che si basa così pesantemente sulla corruzione, la criminalità organizzata e la politica sporca. E’ [uno stato] veramente e completamente marcio fino al midollo.”

A nominare Djukanovic quest’anno è stata Vanja Calovic, direttore della Rete di affermazione del settore delle ONG (MANS), un’organizzazione della società civile con sede a Montenegro. “Questo è un premio meritato”, ha detto Calovic. “Djukanovic, l’ultimo dittatore europeo, ha catturato il nostro paese per i propri interessi privati ​​e lo ha trasformato in rifugio sicuro per i criminali. Mentre lui, la sua famiglia e gli amici si arricchiscono, la gente comune soffre dalla povertà, l’ingiustizia e l’illegalità, mentre coloro che osano parlare di corruzione diventano i suoi obiettivi “.

Ogni anno, i giornalisti e partner OCCRP nominano e votano per la Persona dell’Anno. Il Primo Ministro montenegrino è arrivato primo in un voto in cui hanno partecipato più di 50 giornalisti della rete. I precedenti vincitori sono stati il ​​presidente russo Vladimir Putin, Presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev, e il Parlamento rumeno.

Al secondo e terzo posto nella votazione erano finiti rispettivamente la moglie e i figli del Presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev e il Primo Ministro macedone Nikola Gruevski. I parenti del presidente azero possiedono grossi pezzi dell’economia del paese e hanno lavorato duramente per saccheggiare l’economia a spese del popolo. Il macedone PM ha intercettato partiti di opposizione e giornalisti, perseguito gli oppositori politici e insabbiato varie indagini per omicidio.

Djukanovic ha una lunga storia di amicizia con personaggi della criminalità organizzata, essendo personalmente coinvolto in pratiche di corruzione e voto di scambio. E’ stato uno dei peggiori custodi della cosa pubblica al mondo, spesso dando denaro pubblico ai propri sodali, tra cui varie organizzazioni criminali. Le sue azioni hanno lasciato Montenegro con enormi debiti. Alcuni dei punti salienti della sua carriera:

  • Djukanovic e i suoi stretti collaboratori sono stati impegnati in una vasta rete di contrabbando di sigarette con la Sacra Corona Unita e la Camorra italiane. Djukanovic è stato incriminato a Bari e ha liberamente ammesso il commercio, [giustificandosi con il fatto] che il suo paese aveva bisogno di soldi. Ha quindi invocato l’immunità diplomatica per ottenere cadere le accuse.
  • Mentre sostiene di aver fermato il contrabbando, OCCRP ha trovato un’isola al largo della costa finanziata dalla sua banca di famiglia e di proprietà di suo buon amico Stanko Subotic, un controverso uomo d’affari tre volte incriminato ma mai condannato per attività connesse al contrabbando di sigarette. L’isola era gestita dal capo della sicurezza di Djukanovic ed è stata utilizzata per il contrabbando di sigarette con alcune delle stesse figure del crimine organizzato che sono state precedentemente coinvolte.
  • Ha fatto del Montenegro un porto sicuro per una sfilza di membri del crimine organizzato e figure controverse nel corso degli anni, tra cui Darko Saric, Stanko Subotic, Naser Kelmendi, Safet Kalic, Brano Micunovic e altri.
  • La sua famiglia si è assicurata la proprietà di una banca statale quando questa è stata privatizzata, e il suo governo ha via ha investito enormi quantità di denaro pubblico. Quindi essa è stata usata per riciclare il denaro per la criminalità organizzata e dare grossi prestiti alla criminalità organizzata, se stessi e i loro amici. Quando i prestiti non sono stati rimborsati, Djukanovic ha salvato la banca di famiglia, costringendo il Parlamento ad adottare una legge speciale. Non risulta che i prestiti di salvataggio siano stati mai rimborsati. Per fornire liquidità necessaria per la banca insolvente, Djukanovic ha venduto la società elettrica statale e stabilito che i proventi andassero alla banca di famiglia. Quando la Banca centrale ha contestato l’attività illegale della banca, Djukanovic licenziato il governatore e lo ha sostituito con qualcuno della banca di famiglia, violando così l’indipendenza di lunga data della Banca centrale montenegrina.
  • Il suo governo non ha quasi mai indagato in nessuno scandalo riportato dai media. I suoi ben selezionati procuratori sono famosi per investigare le fughe di notizie ai giornalisti, ma non la corruzione o il crimine organizzato – a meno che ciò vada a beneficio di Djukanovic.
  • Ha venduto grossi pezzi di costa montenegrina a cifre molto dubbie a controversi uomini d’affari russi, società azere controllate dalla famiglia presidenziale di quel paese, e corrotti interessi del Medio Oriente.
  • Nel 2015 Djukanovic ha preso in prestito quasi 1 miliardo di dollari per la costruzione di 41 chilometri di autostrada, spingendo il debito pubblico di oltre il 60 per cento del PIL e violando le linee guida europee sul debito.
  • Dal 2006 Djukanovic ha usato i soldi dello stato per fornire 300 milioni di € in garanzie statali per i prestiti contratti da imprese private, senza richiedere alcun interesse. Più della metà di questi prestiti – 184 millioni di euro – non sono mai stati rimborsati, lasciando i cittadini montenegrini con il debito. La maggior parte di questi – 130 milioni di euro – sono dovuti da Oleg Deripaska, un magnate dell’alluminio russo e uno degli uomini più ricchi del mondo.
  • Il governo di Djukanovic ha offerto la cittadinanza all’allora ricercato boss della droga regionale Darko Saric. La cittadinanza sarebbe stato concesso se la Serbia avesse permesso a Saric di rinunciare alla sua cittadinanza serba.
  • I giornali pubblici sono stati utilizzati per campagne di delegittimazione contro giornalisti e attivisti che sottolineano la corruzione dilagante.

Mentre Djukanovic si spende a parole per la lotta contro la corruzione e ogni tanto fa un arresto, di solito ciò è nel suo interesse, come la recente incriminazione di un avversario politico.

Il Montenegro e Djukanovic offrono ancora un rifugio per la criminalità organizzata e abbiamo il sospetto che ciò continuerà fino a quando Djukanovic lascerà l’incarico per sempre. Egli è tuttavia molto bravo a giocare vari interessi politici uno contro l’altro e finora ha evitato gravi sanzioni internazionali.

Foto: OCCRP

Chi è redazione

East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

proprietà religiose

MONTENEGRO: Tensioni tra governo e chiesa serba sulle proprietà religiose

In Montenegro una proposta di legge che minaccia le proprietà religiose della chiesa serba ortodossa riaccende le polemiche tra le due comunità.

Un commento

  1. “Nessuno al di fuori di Putin ha costruito uno stato che si basa così pesantemente sulla corruzione, la criminalità organizzata e la politica sporca. E’ [uno stato] veramente e completamente marcio fino al midollo.”
    E’ interessante notare che mentre si è fatto un gran battage sugli affari di famiglia di Djukanovic, si è passato praticamente sotto silenzio che tale menzione onorifica era stata già assegnata al principe di tutti i corruttori e maestro indiscusso dei vari Lukashenka, Yanukovych, Nazartbayev ecc.. Putin, figlie e generi e compari di merenda, hanno accumulato fortune stratosferiche depredando sistematicamente le finanze statili russe, al confronto Djukanovic è un dilettante, uno scolaretto che ruba merendine.

Privacy Preference Center

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: