UNGHERIA: Chiusa la stazione di Budapest, caccia al migrante irregolare

Questa mattina la stazione di Budapest Keleti è rimasta chiusa per un paio d’ore. Poco dopo le 9 è stata annunciata la chiusura della stazione fino a nuovo ordine. La polizia ha scortato tutti i passeggeri fuori dalla stazione, liberando completamente le piattaforme e i treni fermi al binario con partenze già programmate. La riapertura è avvenuta circa due ore dopo, con controlli scrupolosi sui documenti e come sfondo una situazione sempre più tesa.

La chiusura mirava a bloccare tutte le partenze, impedendo così ai migranti di lasciare il paese alla volta dell’Europa Occidentale, nonostante questa mattina un treno partito ieri dalla capitale magiara abbia raggiunto Vienna.

La maggior parte dei migranti ha già un biglietto del treno, pagato anche profumatamente, ma purtroppo non i visti necessari per muoversi liberamente  nell’Unione Europea. La direttiva “Dublino-3”, infatti, prevede che i profughi richiedano asilo nel primo paese europeo dove mettono piede. La scorsa settimana Berlino ha rinunciato a questa regola per i richiedenti d’asilo siriani, affermando che possono venire e rimanere in Germania, anche se provvisoriamente senza documenti. Questa mossa non è piaciuta all’Ungheria, temendo che ora ancora più migranti di quanti se ne possano effettivamente gestire decidano di intraprendere il faticoso viaggio verso l’Europa.

Tra Germania e Ungheria troviamo però l’Austria, che fa piovere critiche sui vicini magiari, ritenendoli incapaci di gestire questa situazione. Nonostante le parole taglienti, a Vienna hanno riconosciuto che neanche le loro autorità hanno i numeri necessari per controllare accuratamente i transiti e respingere tutte le persone sprovviste di documenti o non richiedenti d’asilo in Austria.

La via ferroviaria non è la sola a riportare difficoltà. Dopo il tragico ritrovamento di un camion con i corpi di 70 profughi morti asfissiati proprio sull’unico collegamento autostradale tra Ungheria e Austria, la polizia di frontiera ha aumentato i controlli sulle strade, in particolare con posti di blocco nella cittadina ungherese di confine di Hegyeshalom.

Chi è Giulia Pracucci

Classe 1991, laureata in Mediazione Linguistica e Culturale con una tesi sulla carriera degli interpreti dei dittatori. Dopo aver passato un inverno in Lettonia e una primavera in Germania, si stabilisce a Budapest dove vive e lavora da quasi tre anni.

Leggi anche

UNGHERIA: La legge anti-ONG non ha posto in Europa

La Corte di giustizia europea ha condannato l'Ungheria per la sua legge del 2017 contro le ONG, bollate come "agenti stranieri". Un riconoscimento importante del ruolo della società civile

Un commento

  1. ora che il problema si configura su scala europea, spuntano i vari “alleati” fin’ora chiusi in un angolo buio, senza mai aver considerato l’italia unico suo malgrado protagonista che da anni gestisce da sola tutto ciò.
    let’s say…c’est la vie

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: